‘Nelson Mandela International Day 2016: celebrazioni anche a Reggio

Stampa articolo Stampa articolo

Per il quarto anno il Comune di Reggio Emilia sarà protagonista del Nelson Mandela International Day, la giornata internazionale dedicata al premio Nobel per la pace sudafricano, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel novembre del 2009. Dall’11 al 22 luglio saranno diverse le iniziative messe in campo in città e in provincia, nei comuni di Castelnovo di Sotto, Gattatico e San Polo d’Enza. Venticinque appuntamenti tra educazione, arte, cultura e solidarietà per celebrare la data di nascita del leader sudafricano e ricordare il suo impegno per la tutela dei diritti umani e la lotta contro tutte le diseguaglianze.

“Si tratta di appuntamenti che ci auguriamo possano lasciare traccia nelle persone e portare a riflettere sul come potersi dedicare agli altri – ha detto oggi l’assessore alla Città internazionale Serena Foracchia presentando il calendario di eventi – Così come   chiese lo stesso Mandela, ricordiamo il leader anti-apartheid pensando al contributo che possiamo dare agli altri, non solo a livello di cooperazione internazionale ma anche locale rispetto al tema dell’accoglienza”. Alla presentazione sono intervenuti anche il musicista Gigi Cavalli Cocchi e lo scultore Giuliano Melioli.

Mandela-day---cs-2-(11.7

Da sinistra Gigi Cavalli Cocchi, Serena Foracchia e lo scultore Giuliano Melioli.

 

GLI EVENTI – Il giorno clou delle celebrazioni sarà venerdì 15 luglio quando, nella Sala del Tricolore, l’assessore Serena Foracchia conferirà la cittadinanza italiana ed europea agli stranieri che vivono sul territorio reggiano con la testimonianza di un ‘messaggero di cittadinanza’. Un ulteriore evento significativo sarà l’incontro, sabato 16 luglio,  con i ‘Piccoli Ambasciatori di Pace’ del popolo Sahrawi, che da anni vive confinato nei campi profughi. La delegazione sub-sahariana sarà ricevuta alle ore 9 nella Sala del Tricolore, a testimonianza del sostegno della città di Reggio Emilia al diritto all’autodeterminazione dei popoli e per la promozione dei valori della solidarietà, della tolleranza e dell’antirazzismo.

Mercoledì 20 luglio, alle ore 20.30, è inoltre previsto un momento di dialogo con la città: per l’occasione il centro interculturale Mondinsieme ospiterà un incontro con le associazioni di cittadini di origine straniera per discutere della storia, dei contenuti e delle prospettive del Tavolo Reggio-Africa, accogliendo nuove idee, iniziative ed eventuali collaborazioni future.

Per tutta la durata del Mandela day, infine, la biblioteca Panizzi ospiterà ‘Mandela: lungo cammino per la libertà’, una vetrina mobile dedicata alla figura del politico sudafricano, in cui saranno esposti e accessibili al prestito i libri sulla storia politica e sociale del Sudafrica e sullo stesso Mandela. L’esposizione sarà in parte dedicata alle attività svolte dal Tavolo Reggio-Africa, a testimonianza dell’impegno della città nel corso di tutto l’anno e gli archivi storici in cui sono conservate le esperienze che legano Reggio Emilia al Sudafrica.

Le iniziative del ‘Mandela day 2016’ sono state realizzate grazie alla collaborazione di biblioteca Panizzi, biblioteca San Polo d’Enza, Centro di solidarietà di Reggio Emilia, centro teatrale MaMiMò, comune di Castelnovo di Sotto, comune di Gattatico, comune di San Polo d’Enza, Dimora d’Abramo, fondazione Mondinsieme, Tavolo Richiedenti asilo e rifugiati, istituto Cervi, Jaima Sahrawi, Medials, Net – Nuovi educatori territoriali, Officina educativa – Partecipazione giovanile e benessere, oratorio Don Bosco, Perdiquà, Reggiana educatori, Rugby Reggio, Talento, Teatro dell’Orsa, Tokio e Tavolo Reggio Africa.

Mandela-day---opera-Esodo

Opera “Esodo”

ESODO – Giovedì 14 luglio, alle 17.30, nella sala Reggio della biblioteca Panizzi, sarà inaugurata e donata alla città l’opera ‘Esodo’, sul tema delle migrazioni, realizzata da Sadiq Alizada, un rifugiato afghano che ha intrapreso un percorso con l’artista Giuliano Melioli.

Nato in Afghanistan a Meidansha, a 17 anni Sadiq Alizada si è spostato in Iran, dove scolpiva il marmo e realizzava bassorilievi. Dopo 12 anni, ha intrapreso un lungo viaggio migratorio che nel settembre 2014 lo ha portato a Reggio Emilia, accolto nel progetto Sprar per richiedenti asilo e rifugiati del Comune di  Reggio Emilia e gestito da Dimora d’Abramo. Qui ha frequentato un corso di scultura alla “Scuola di scultura su pietra”: attualmente collabora come scultore con il laboratorio “Tarsie sas” di Giuliano Melioli, nell’ambito del Progetto ItaliaLavoro – INSerimento Integrazione NordSud inclusionE (Inside).

“Esodo” nasce come espressione di gratitudine al Comune di Reggio Emilia per l’accoglienza ricevuta. L’opera rappresenta la migrazione infinita che alcuni popoli, da sempre e ciclicamente, sono costretti a compiere tra aspettative e speranza, difficoltà e disillusioni, grandi ostacoli sul loro cammino.

mandela-day_cartolina-1

MANDELA E LA MUSICA –  La musica ha avuto un ruolo determinante nella vita di Nelson Mandela, per la sua liberazione e per il successo della lotta anti-apartheid. Essa ha rappresentato uno strumento di emancipazione, una luce che ha illuminato i momenti più bui anche quando la speranza sembrava morire oltre le sbarre di una cella.

È per questo che il 18 luglio, alle 17.50, allo stadio Mirabello (via Matteotti) andrà in scena il ‘Mandela Day Music Happening‘, un contest musicale ed artistico con i migliori giovani artisti e band emergenti dell’Emilia Romagna, selezionati da una commissione di garanti ed esperti del settore.  Al termine del contest sarà premiata la migliore performance in linea con lo spirito del Nelson Mandela Day. L’iniziativa è organizzata da  Talento – associazione culturale italiana e Medials live, nell’ambito della rassegna ‘Mirabello Aria Aperta’, ed è patrocinata dalla Repubblica del Sudafrica, dall’Ambasciata del Sudafrica in Italia, dalla Nelson Mandela Foundation e dall’Assessorato alla Città Internazionale del Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con il Tavolo Reggio Africa.

 

CAMPAGNA DI CROWDFOUNDING – La sera del 18 luglio sarà lanciato il ‘Free project – Canzoni dedicate a Mandela’ a cura di Tokio 2014: una campagna di crowdfounding per sostenere il progetto per la biblioteca Bruna e Giuseppe Soncini, inaugurata nella township di Wattville,  nella municipalità di Ekurhuleni a Johannesburg.

I Tokio, rock band nata a Reggio Emilia sul finire degli anni ’70, sono stati per anni il punto di riferimento della scena musicale locale, in grado di sviluppare un proprio genere musicale con concerti in molte città italiane. Il gruppo – formato da Alberto Bigi, Gigi Cavalli Cocchi, Cesare Fornaciari, Paolo Genta, Emanuele Iannuccelli e Franco Schiatti – si è riunito nel 2014 per realizzare il progetto ‘Free’, un album/cd dedicato a Nelson Mandela e ad altri protagonisti del movimento di liberazione del Sudafrica, che sarà lanciato proprio in occasione del Mandela Day. “Free” è la rivisitazione di famosi brani ‘Biko’ di Peter Gabriel, ‘Ordinary love’ degli U2, ‘Asimbonanga’ di Johnny Clegg, ‘Mandela day’ dei Simple Minds, più l’inedito intitolato “’The road to freedom’. Il progetto ha ottenuto il patrocinio dell’Ambasciata del Sudafrica a Roma.

mandela-day_cartolina-2

ATTIVITÀ NEI CAMPI ESTIVI – Anche quest’anno una parte significativa delle iniziative del ‘Mandela day’ sarà dedicata ai più giovani, con una serie di appuntamenti organizzati nei parchi cittadini, nei campi estivi e nei centri sociali. Saranno coinvolti diversi luoghi della città, tra cui il parco le Paulonie, il parco I Platani, il parco Zona Foscato e il parco di via Fabio Filzi. Quì, sabato 15 luglio, l’associazione Perdiquà festeggierà la fine dei quattro campi estivi organizzati ogni anno all’interno del progetto dei campi di strada, che rappresentano la realizzazione concreta del messaggio di Mandela.

Un denso programma è previsto per il 18 luglio. Al mattino, dalle 9, l’oratorio don Bosco di via Adua ospiterà l’iniziativa #shareyourpeace, un momento in cui  giovani del campo estivo potranno confrontarsi sulla figura del politico sudafricano: un momento di condivisione, arricchito dalla lettura dei discorsi pronunciati dallo stesso Mandela e di alcune fiabe africane. Nel corso dell’iniziativa, inoltre, sarà realizzato dai giovani un pannello con frasi legate ai temi della pace, dell’integrazione e della condivisione. Alle ore 16, la casa Aperta di via Urceo Codro ospiterà ‘Giochi senza frontiere’: l’appuntamento, organizzato dal Centro di solidarietà di Reggio Emilia, sarà dedicato allo sport, al cibo e alla musica. Gli ospiti delle comunità terapeutiche e i giovani dei quartieri confinanti alle strutture del Centro avranno la possibilità di ascoltare la testimonianza di Giulia Bagnacani, ostetrica che ha vissuto un’esperienza diretta sia in Afghanistan che su una nave di soccorso nel mediterraneo con Emergency, e saranno poi coinvolti in un torneo di calcetto.

La giornata si concluderà alle 21.30 al parco del Gelso del centro sociale Orologio (via Massenet 19) con lo spettacolo teatrale ‘Racconti di paesi lontani’ della compagnia S’Arza Teatro e la regia di Romano Foddai. Nella rappresentazione, un giovane e la sua mamma narrano storie di ragazzi innamorati, di promesse non mantenute dai loro rispettivi genitori, delle disarmonie conseguenti e della necessità del sacrificio per ristabilire la ricerca verso la perfezione di ciascuna anima nella sua ascesa verso Dio.

Le attività dedicate ai più giovani proseguiranno l’indomani martedì 19 luglio, alle ore 10, al Summer Camp, via Assalini 7 con ‘Racconti per Mandela’, organizzato dalla società Rugby Reggio. Un momento che legherà sport e riflessione sui valori della pace e della solidarietà, arricchita dalle testimonianze di Bruna Ganapini Soncini e Olga Fornaciari, che hanno dato il loro personale contributo alla lotta di liberazione dei paesi dell’Africa Australe e che hanno avuto il privilegio di incontrare il presidente Mandela.

A chiudere le iniziative per i più giovani, giovedì 21 luglio, alle 9 allo spazio Estate ragazzi (via Rivoluzione d’Ottobre 27) sarà ‘Passi di Pace_BuoncompleannoMandela: una camminata organizzata dalla cooperativa Reggiana Educatori nei quartieri a sud di Reggio, scandita dalla lettura delle parole di Nelson Mandela e di altre persone di ieri e di oggi impegnate sul tema della pace e dei diritti.

 

ATTIVITÀ IN PROVINCIA – Tra gli aderenti all’edizione 2015 figurano anche tre comuni della provincia: San Polo d’Enza, Gattatico e Castelnovo di Sotto.

Il comune di San Polo allestirà una vetrina tematica dedicata a Nelson Mandela, oltre ad ospitare iniziative dedicate ai più piccoli e a promuovere una raccolta alimentare da consegnare a famiglie in difficoltà. Tra i diversi appuntamenti in programma, la proiezione di due film di grande spessore quali ‘Malala’ e ‘Il colore della libertà’.

Gattatico ospiterà invece una conferenza sul rapporto tra teatro e integrazione per la costruzione di nuove convivenze e lo spettacolo ‘Questo è il mio nome’, cui partecipano anche i rifugiati e richiedenti asilo del progetto Sprar di Reggio Emilia. Lo stesso spettacolo, in programma l’11 luglio, sarà riproposto anche a Castelnovo di Sotto il 22 luglio.

 

SIGNIFICATO DELL’INIZIATIVA – Il Mandela day nasce nel 2009 quando Mandela — ancora in vita — chiese di non ricevere più regali nel giorno del suo compleanno, ma di dedicare sessantasette minuti del proprio tempo a favore della comunità locale. Sessantasette come gli anni che Mandela dedicò al suo popolo per liberarlo dall’apartheid e donargli la libertà. Reggio Emilia è una delle città italiane che aderiscono a questa giornata anche in virtù della lunga storia di amicizia e cooperazione, Reggio fin dagli anni Settanta si schierò a fianco dei movimenti anti-apartheid e di liberazione coloniale dell’Africa Australe, tanto da essere l’unica città italiana invitata nel 1994 all’insediamento di Mandela come Presidente del Sudafrica.

 

Per consultare il programma delle attività è possibile visitare il sito internet del Comune di Reggio Emilia.

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura