La «porta santa» di Roberta

Stampa articolo Stampa articolo

Malata di Sla, ha saputo aprire la sua casa

Con questo terzo contributo chiudiamo la serie di articoli, avviata sul numero del 18 giugno, a cura dello staff di “Sport & Ben-Essere” (S&B). Questi giovani hanno scritto alcuni articoli sulle esperienze e sulle riflessioni che hanno maturato in preparazione alla tre giorni in programma l’8-9-10 luglio a Novellara.

Ancora una volta “Sport & Ben-Essere” si è rivelato per noi giovani un’opportunità per crescere e per conoscere l’altro che vive accanto, a poche case di distanza, ma sembra da noi relegato in un mondo lontano, inavvicinabile perché difficile da comprendere e da accettare.
Dopo l’incontro con le giovani ragazze di strada e con i carcerati, il nostro percorso di formazione ci ha portato a casa di un’amica, di una donna forte come una roccia grazie alla quale abbiamo provato a comprendere il significato della malattia, ma anche della fiducia e della semplicità. Il suo nome è Roberta, una donna sorridente affetta da Sla – Sclerosi Laterale Amiotrofica – ormai da qualche anno, che ha aperto la porta di casa, ‘porta santa’, ai nostri sguardi dapprima un po’ imbarazzati, ma poi sempre più ammirati e curiosi.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 2 luglio

Per abbonarti al nostro giornale, clicca e scegli l’offerta di abbonamento che ti piace di più!

sla

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: , , ,