Il sindaco Vecchi ha consegnato il Primo Tricolore a Max Menetti e Rimantas Kaukenas

Stampa articolo Stampa articolo

Nella solenne cornice della Sala del Tricolore, il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha consegnato il Primo Tricolore all’allenatore della Grissin Bon Max Menetti e al capitano Rimantas Kaukenas per la straordinaria stagione appena conclusa, che per la seconda volta consecutiva ha portato la squadra a sfiorare la vittoria del campionato di massima divisione.

All’incontro hanno preso parte anche la presidente della Pallacanestro Reggiana Licia Ferrarini e Stefano Landi, patron della società cestistica reggiana. Fra i presenti, il presidente della Provincia di Reggio Emilia Giammaria Manghi.

“La consegna del Primo Tricolore – ha detto il sindaco Vecchi – vuole rendere merito a due emblemi della Grissin Bon, l’allenatore Menetti e il capitano Kaukenas: due sportivi che, per il secondo anno consecutivo, hanno trascinato il gruppo in finale scudetto, scrivendo una pagina di storia della nostra città. Per Menetti parla la sua storia sportiva, legata a Reggio, e la sua capacità di non mollare mai, lavorando con ostinazione, e di costruire un collettivo capace di veicolare anche un sistema valoriale nei confronti della città e delle giovani generazioni. Di Kaukenas, che ormai consideriamo reggiano a tutti gli effetti, voglio sottolineare l’impegno con la sua Fondazione e il grande lato umano che ne fanno un campione anche nella vita quotidiana. La storia di Rimantas ci insegna che il talento da solo non basta: ci vogliono anche la determinazione e la consapevolezza che i risultati non vengono da soli ma si ottengono con l’impegno di tutti i giorni e l’ostinazione. Un inno al lavoro e al rigore, che si ritrova nella storia di Reggio Emilia e in cui la città si è riconosciuta”.

Primo-Tricolore_Menetti-Kaukenas_4

“Questo momento, da reggiano, non può che riempirmi di orgoglio – ha detto il tecnico Menetti – Attraverso la pallacanestro sono cresciuto, imparando valori fondamentali per una persona, nella vita e nello sport, come la determinazione e la capacità di impegnarsi quotidianamente per raggiungere i risultati che si desiderano: questi valori, una volta diventato allenatore, ho voluto trasmetterli alla squadra. In questi anni la nostra grande sfida è stata quella di far conoscere questi valori e la passione per la pallacanestro alla città, e credo che ci siamo riusciti, coinvolgendo tanti bambini non solo in città ma in tutta la provincia e costruendo qualcosa che va al di là dei successi sul campo”.

In conclusione, Menetti ha voluto esprimere soddisfazione per i lavori partiti in questi giorni per l’ampliamento del Palazzetto dello sport, che a cantiere concluso ospiterà fino a 1.100 persone in più rispetto ad oggi.

“Sono molto felice – ha detto un emozionato Kaukenas – di aver conosciuto Reggio Emilia e tutte queste persone, la città e la società, che mi hanno fatto sentire come a casa. Tutti loro mi hanno aiutato nel trovare la motivazione per crescere ed andare avanti nel modo corretto, con l’impegno di ogni giorno, e questa è la cosa più importante per arrivare dove vogliamo. Sono molto orgoglioso di essere il capitano di questa squadra”.

Primo-Tricolore_Menetti-Kaukenas_7

Molta soddisfazione per la consegna del Primo Tricolore è stata espressa anche da Licia Ferrarini, che ha voluto sottolineare la gratitudine verso la città, per come i reggiani hanno sostenuto la Grissin Bon, e da Stefano Landi, che ha anche voluto ringraziare squadra e allenatore per gli importanti traguardi raggiunti.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura