Dieci nuovi sacerdoti per la Fraternità San Carlo

Stampa articolo Stampa articolo

Missionari per il Cile, il Messico, la Spagna, l’Italia. A Roma, in San Giovanni in Laterano, sono stati ordinati da Camisasca

Nel trentennale della fondazione, la Fraternità San Carlo festeggia con l’ordinazione di dodici suoi membri: nel pomeriggio di sabato 25 giugno, nella basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, il vescovo Massimo Camisasca, fondatore della Fraternità, ha ordinato dieci sacerdoti e due diaconi.
Tra i nuovi sacerdoti ci sono don Alessio Cottafava e don Stefano Tenti.
Don Alessio, originario di Rio Saliceto, 35 anni, dopo l’ordinazione sacerdotale tonerà in Cile, dove ha completato gli studi nella Casa di formazione di Santiago e dove ha trascorso il suo anno di diaconato. Vivrà nella casa di San Bernardo e lavorerà nella parrocchia del Divino Maestro.
Don Stefano, 34 anni, di Cattolica, dopo l’ordinazione sacerdotale tornerà a Reggio Emilia, dove ha trascorso il suo anno di diaconato e dove collabora con il vescovo, monsignor Camisasca.

Questi gli altri ordinandi:
Giuseppe Cassina, 31 anni originario di Meda (MB), e Stefano Motta, 33 anni, anch’egli brianzolo, di Seveso (MB), continueranno il loro lavoro nella parrocchia di San Juan Bautista a Fuenlabrada (Spagna), dove hanno trascorso l’anno di diaconato.
David Crespo, portoghese di 32 anni, e Davide Tonini, milanese di 31 anni, sono entrambi destinati alla casa di Città del Messico, dove proseguiranno i loro studi e lavoreranno nella parrocchia di Maria Inmaculada.
Tommaso de Carlini, brianzolo trentaduenne di Macherio (MB), vivrà nella casa di San Bernardo, nel Cile, e lavorerà nella parrocchia del Divino Maestro.
Giovanni Fasani, milanese di 35 anni, rimarrà a Roma dove continuerà a svolgere l’incarico di vicerettore della Casa di formazione.
Cristiano Ludovici, 29 anni, di Varese, rimarrà a Torino, dove lavorerà nella parrocchia di Santa Giulia e insegnerà religione in una scuola media.
John Roderick, canadese, 33 anni, dopo l’anno di diaconato trascorso in Cile, partirà alla volta della nuova casa di Bogotà (Colombia).

Nella stessa celebrazione hanno ricevuto l’ordinazione diaconale:
Marco Vignolo, 32 anni, di Rapallo (GE), destinato alla casa della Navicella a Roma, dove continuerà i suo studi e collaborerà nella parrocchia di Santa Maria in Domnica.
Mattia Zuliani, 28 anni, di Brenna (CO), raggiungerà la casa di Nairobi, nella periferia di Kahawa Sukari.

La Fraternità San Carlo è nata nel 1985 su ispirazione di don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e liberazione, è oggi presente con 33 case in 17 Paesi del mondo. Ha 133 preti e 30 seminaristi.
Nei due riquadri ai lati pubblichiamo i profili dei due novelli preti che hanno un legame con la terra reggiano-guastallese (don Alessio è nativo di Rio Saliceto, don Stefano collabora nella Segreteria del Vescovo) e, di seguito, l’omelia pronunciata da Camisasca nella liturgia del 25 giugno, a cui ha partecipato un nutrito gruppo di reggiani.

Leggi l’omelia di monsignor Camisasca e i profili di don Alessio e don Stefano su La Libertà del 2 luglio

Abbonati al nostro giornale

fraternità-san-carlo

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana Taggato con: , ,