A Itema il Premio Italiano Meccatronica 2016

Stampa articolo Stampa articolo

La decima edizione del Premio Italiano Meccatronica, organizzato e promosso da Unindustria Reggio Emilia in collaborazione con il Club Meccatronica, è stata assegnata a Itema, multinazionale con sede a Bergamo che progetta e realizza telai e macchine per il settore tessile.

E’ leader nella fornitura di soluzioni all’avanguardia per la fabbricazione di ogni tipo di tessuto, comprese le fibre tecniche, il carbonio e persino gli airbag delle auto, grazie ad una tecnologia finissima.

L’azienda ha alle sue spalle una tradizione lunga quasi 200 anni e ha prodotto più di 300.000 telai nel mondo, con un ampio portfolio prodotti e un costante impegno nel ricercare innovazioni e avanzamenti tecnologici.

Fiore all’occhiello di Itema sono i suoi due dipartimenti di Ricerca e Sviluppo, di cui uno, con sede presso il Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, interamente dedicato allo sviluppo del “telaio del futuro”.

Il Comitato Scientifico ha premiato Itema per aver adottato soluzioni meccatroniche che hanno permesso di sviluppare prodotti innovativi tali da creare una discontinuità positiva nel settore d’appartenenza.

itema

Questa la motivazione: “Per il ruolo di leadership a livello mondiale nel settore meccano tessile un settore altamente competitivo e in cui l’Italia ha un ruolo di assoluto rilievo.

Per aver saputo realizzare, unica tra i competitor, una gamma completa di innovativi telai meccatronici per ogni tipo di tessuto e con tutte le tre migliori tecnologie di inserzione della trama (pinza, aria e proiettile) grazie a costanti investimenti in ricerca ed innovazione tecnologica.

Per aver dato vita ad Itema Lab, il centro di ricerca all’interno del parco scientifico e tecnologico Kilometro Rosso, con l’obiettivo di realizzare il “telaio del futuro“ destinato a rivoluzionare il mercato e in grado di apprendere e modificare in maniera autonoma i propri parametri di funzionamento.

Itema è l’unico produttore al mondo a realizzare telai per la tessitura con le tre migliori tecnologie di inserzione della trama senza navetta: pinza, aria e proiettile”.

Le altre aziende finaliste, selezionate con la collaborazione di Nòva24 – Il Sole 24 Ore, media partner dell’iniziativa, sono: Bimal (Perugia), banchi di prova per componenti fluidici e meccanici; Comacchio (Treviso), macchine perforatrici e Energica Motor Company (Modena), moto elettriche supersportive.

Menzione speciale per Spea (Torino), che progetta e realizza macchinari automatici per il collaudo di microchip, MEMS, schede e dispositivi elettronici, per ”l’eccezionale investimento in ricerca e sviluppo e per il ruolo fondamentale attribuito ai giovani talenti e alle risorse umane altamente qualificate nell’ambito di una efficace ed esemplare collaborazione scuola-università-lavoro.

Ciò ha consentito a SPEA di diventare leader mondiale nella progettazione e realizzazione di strumenti per testare i componenti elettronici”.

Kilometro Rosso2

Nell’ambito del Premio, il Comitato Scientifico ha assegnato un riconoscimento alla start up più innovativa: D-Orbit (Milano), realtà che si occupa di portare il concetto di sostenibilità nello spazio.

D-Orbit ha infatti elaborato un dispositivo che permette di rimuovere i satelliti in orbita alla fine del loro ciclo di vita e di ricondurli a terra, garantendo così una significativa riduzione dei costi per gli operatori e un aumento della redditività.

Il Comitato Scientifico che ha attribuito i riconoscimenti è presieduto da Mauro Severi, Presidente Unindustria Reggio Emilia e composto da: Maurizio Brevini, Presidente Club Meccatronica, Luca De Biase, Caporedattore Nòva 24 – Il Sole 24 Ore, Cesare Fantuzzi, Docente Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Enzo Rullani, Docente Venice International University e Auro Palomba, Presidente di Community Group (segretario).

La cerimonia di premiazione si svolgerà in occasione dell’Assemblea Generale 2016 di Unindustria Reggio EmiliaCostruire una nuova realtà. Imprese e territorio nella quarta rivoluzione industriale”, in programma al Teatro Municipale Romolo Valli di Reggio Emilia giovedì 23 giugno alle ore 17,30.

Pubblicato in Articoli, Associazioni