Concerto per il Grade ai chiostri di San Pietro

Stampa articolo Stampa articolo

Musica a solidarietà con il concerto per il Grade ‘Notte Swing’. Giovedì 23 giugno è prevista una serata con la musica del Twins Quintet ai Chiostri di San Pietro, uno dei luoghi più belli del centro storico di Reggio Emilia.

Un jazz fuori dagli schemi, inatteso e coinvolgente. Il sound del Twins Quintet nasce da molteplici contaminazioni che portano ad uno stile originale e raffinato, marcato da dinamiche e accenti ritmici. Il gruppo ha elaborato un linguaggio musicale personale che crea una sintonia immediata con il pubblico. Un repertorio che attraversa la storia del jazz con brani di Duke Ellington, Cole Porter, Horace Silver, Bud Powell e altri. Nel loro ultimo progetto musicale confluiscono le sonorità del jazz europeo, la tradizione jazzistica americana e le cadenze timbriche più eleganti del pop e del rock internazionale. Twins Quintet sono Jacopo Moschetto, piano, Manuel Caliumi, sax, Rosanna Bellei, voce, Lorenzo Rotteglia, batteria, Nicolò Ballista, contrabbasso.

Il ricavato della serata sarà devoluto al Grade che sostiene le attività del reparto di Ematologia e del Co-Re, nuovo centro Oncoematologico, dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Il 2016 è un anno speciale per il Grade che ha raggiunto, con l’inaugurazione del centro Oncoematologico, un traguardo importantissimo, che nel 2009, anno di nascita dell’associazione, sembrava impossibile. Questo sogno si è realizzato grazie alla generosità di tutta la cittadinanza reggiana e all’impegno dei tanti medici, volontari e pazienti. Il lavoro, però, non è finito e occorre gestire e coordinare tutte le potenzialità del nuovo centro dell’arcispedale cittadino.

INIZIO CONCERTO ore 21,30 Chiostri di San Pietro, via Emilia San Pietro 44/C  Reggio Emilia – INFO Grade onlus 0522.296888

CONCERTO-PER-GRADE-_-Twins-Quintet

TWINS QUINTET 

Jacopo Moschetto

Pianista e compositore, ha uno stile originale e ricercato. È stato allievo di Ivano Borgazzi e di Domenico Mirra. Ha frequentato il Centro Professione Musica di Milano e la scuola di composizione del conservatorio Arrigo Boito di Parma, dove è iscritto al triennio di pianoforte jazz. Ha frequentato seminari e masterclass di Danilo Rea, Rita Marcotulli, Fabrizio Ottaviucci, Bruno Tommaso, Morten Halle. Fa parte di numerose formazioni jazz, gospel, swing, elettroniche e della big band del Professional Music Institute diretta da Carlo Gelmini. Si è esibito in rassegne e festival. come ‘Albinea Jazz ‘e ‘Il suono improvviso’ al Teatro Regio di Parma

Manuel Caliumi

Ha iniziato la propria formazione al Conservatorio “Vecchi-Tonelli” di Carpi. Si è avviato al jazz con Federico Masetti e Simone Valla, poi al triennio di specializzazione del Professional Music Institute di Reggio Emilia con Chicco Montisano, Emiliano Vernizzi, Alessandro Altarocca e Marco Ferri e al Conservatorio “A.Boito” di Parma. Ha seguito clinic con Evan Tate, Gianni Vancini e seminari internazionali della New School for Jazz and contemporary music di New York, nell’ambito del Venezia Jazz Festival. Ha partecipato ad Arcevia Jazz e vinto una borsa di studio per il Columbia College di Chicago-Music Department. Suona attualmente in diverse formazioni jazz, gospel, soul/funky, rock.

Rosanna Bellei

Si è avvicinata al jazz frequentando corsi specifici al Professional Music Institute e al Cepam di Reggio Emilia con Elisa Aramonte e Renata Tosi. Ha frequentato un workshop con Cristina Renzetti e una master class con Maria Pia De Vito. Ha cominciato come soprano e contralto in un ottetto vocale guidato da Luisa Cottifogli, ha fatto la corista in formazioni blues e rock. È stata voce solista del gruppo ‘Desafinado’, con un repertorio di classici della tradizione brasiliana, bossa nova e samba, e ha fatto parte di una band di musica funky e soul. Un percorso variegato che hanno contribuito a dare un colore originale alle sue interpretazioni.

Lorenzo Rotteglia

Diplomato a pieni voti in percussioni classiche al conservatorio di Reggio Emilia, si è perfezionato nella batteria moderna e jazz con Christian Meyer, Jorge Rossy, Sergio Bellotti, Bruno Farinelli. Numerose e diversificate le sue esperienze musicali. Da performance col RegospelCoro, a collaborazioni con cantautori come Maurizio Parascandolo, concerti jazz coi Waterjazz e in orchestra, di cui l’ultima all’auditorium Conciliazione a Roma per i Carmina Burana di Carl Orff. Oltre al Twins Quintet, fa parte del tributo a Fabrizio De André, FaberNoster, e della band indie Dumbo Gets Mad.

Nicolò Ballista

Ha studiato chitarra classica, elettrica e la cornamusa scozzese. Entrato a far parte della Claymore Pipes and Drums, ha completato gli studi e partecipato a concerti in Inghilterra. Ha studiato anche basso elettrico, con Stefano Cappa, presso l’Accademia di Musica Moderna di Modena e contrabbasso. Si è avvicinato alla musica jazz con Stefano Calzolari e ha partecipato a seminari di Siena Jazz e a masterclass con Roberto Gatto e Terell Stafford. Per completare la propria formazione, si è iscritto al conservatorio di Modena Vecchi-Tonelli.

Pubblicato in Archivio