La Casa d’accoglienza della Bernolda ripensa alla recente visita del Vescovo

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 18 giugno

Una bella sorpresa: sabato ventitré aprile la casa della Bernolda (Novellara) è stata visitata dal vescovo, monsignor Massimo Camisasca, da don Carlo Fantini, da don Nino Ghisi e dal diacono Andrea Volta, ordinato sacerdote il sedici maggio scorso.
Un avvenimento importante per l’attenzione, l’umiltà e l’intensità d’ascolto dimostrate dagli ospiti al racconto di trent’anni di cammino della casa con tossicodipendenti, nuclei familiari in difficoltà e con vittime della violenza. Cammino teso a dare loro la libertà di migliorare la conoscenza, l’autonomia e il sostegno per rendere più bella la loro vita materiale, morale e spirituale.
L’attenzione si è concentrata sull’operato dei volontari, sugli obiettivi, sul valore della persona, della responsabilità, del diritto, della cultura, della convivenza, del valore della differenza e dell’amore come dono.

Ha fatto piacere vedere il Vescovo attento ai problemi della casa, proprio come un amico-maestro intento a conoscere e a capire per meglio valutare.
Dall’incontro è emerso che la casa, aiutata dalla stima di tanti amici e dalla umanità di un sacerdote che ha insegnato a tutti a capire, compatire, a condividere, senza mai accontentarsi, è perno fondamentale perché raccoglie attorno a sé tante persone diverse per religione, cultura, ideologia, etnia e fa di un piccolo borgo di campagna una comunità viva, partecipata, rallegrata dalla presenza di tanti bambini e giovani felici di sentirsi parte importante di un gruppo. Infatti la casa, in trenta anni di vita, ha veramente contribuito, con rigore e speranza, al rinnovamento di questa comunità e all’incremento della coesione sul territorio, del quale la casa è una ricchezza.

Gli ideali perseguiti e gli obiettivi raggiunti, discussi col Vescovo e con i suoi collaboratori, sono stati raccolti in un opuscolo consegnato ai presenti dal titolo “Una casa di accoglienza al servizio del disagio”, come plafond per ulteriori riflessioni da parte di volontari, parrocchia, territorio.
Grazie, Vescovo, per esserti interessato a noi, ai nostri ospiti, alla casa di accoglienza della Bernolda.

I volontari

Visita-Vescovo-Bernolda-23.04

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana