Luca Franzetti per “L’orecchio del sabato”

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 4 giugno, alle ore 17 nella biblioteca Gentilucci dell’Istituto superiore di studi musicali ‘Peri-Merulo’ di Reggio Emilia (in via Dante Alighieri 11), si svolge un altro appuntamento del ciclo ‘L’Orecchio del sabato’. La lezione-concerto è tenuta da Luca Franzetti, e ha come tema: ‘Morte e resurrezione di un amore’. Saranno eseguite due Suite per violoncello di Johann Sebastian Bach (n. 2 in re minore, BWV 1008-1720, e n. 3 in do maggiore BWV 1009-1720).

Nella lezione-concerto Franzetti, allo stesso tempo relatore e interprete, aprirà una finestra sulla vita di Johann Sebastian Bach, indagando il passaggio stilistico dalla seconda alla terza suite per violoncello in rapporto al periodo che va dalla morte di Maria Barbara all’incontro con Anna Magdalena. Alcuni indizi rilevabili dalla scrittura delle due composizioni sembrano infatti riflettere una mutata intenzione espressiva: dall’austerità all’eleganza, dall’essenzialità all’elaborazione. Nel percorso umano dell’autore, a un bivio emotivo tra conclusione e inizio di profondi legami sentimentali, c’è forse spazio per riversare nella musica un’interiorità sorvegliata, ed è quanto Luca Franzetti si propone di ‘catturare’, forte del rapporto intimo e fecondo che l’interprete, impegnato attualmente a registrare un nuovo cd dell’integrale delle Suite per Violoncello di Bach, ha instaurato con la pagina bachiana.

Docente di violoncello dell’Istituto musicale ‘Peri’, la carriera di Franzetti, musicista impegnato anche in progetti umanitari internazionali — e dal cammino musicale e spirituale profondamente sensibile alla funzione sociale della musica come mezzo di riscatto e di rieducazione — si focalizza oggi sul repertorio solistico con risvolti di particolare interesse nel campo della musica antica e della filologia.

L'orecchio-del-sabato---Luca-Franzetti_2

Luca Franzetti

LUCA FRANZETTI — Nato a Parma nel 1969, inizia a suonare il violoncello a 17 anni dopo aver studiato violino, chitarra e pianoforte, e suona in orchestra all’età di 18 anni. Dopo essere stato primo violoncello in orchestre italiane quali la Toscanini di Parma, il Teatro Bellini di Catania e L’Orchestra Stabile di Bergamo, a 30 anni ricopre il posto di Primo Violoncello dell’Orchestra Sinfonica di Milano Verdi, con Riccardo Chailly come direttore stabile. Qui ha avuto l’occasione di lavorare con grandi artisti come Rudolf Brasai, George Prétre, Sara Mingardo, stringendo con alcuni di loro anche rapporti di profonda amicizia. Questa esperienza è stata la base di tutto ciò che è seguito dopo. Parallelamente, ha svolto attività di primo Violoncello per la Sottish Chamber Orchestra di Edimburgo, la Royal Philharmonic of Flanders di Anversa e l’Operanorth di Leeds (UK). Nel 2004 Luca inizia a collaborare con Claudio Abbado, entrando nell’organico della sua ultima creazione: L’Orchestra Mozart di Bologna e, in seguito, membro del’ Orchestra del Festival di Lucerna. Queste collaborazioni durano ancora oggi.

È stato docente presso la Scuola di Musica Di Fiesole dal 2010 al 2015 per l’Orchestra Giovanile Italiana e dal 2013 l’Istituto Musicale di Reggio Emilia gli ha dato la cattedra di Violoncello, ruolo che tutt’oggi ricopre. Oggi la sua carriera si focalizza sul repertorio solistico; esegue regolarmente recitals e concerti da solista  in Italia, Svizzera Norvegia e Giappone, alcuni dei quali trasmessi sul canale Sky Classica HD. Si era già esibito con grandi musicisti provenienti da esperienze molto diverse tra loro, Christopher Hogwood, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Wolfram Christ, Lucio Dalla, Enzo Jannacci, Steward Copeland, Fabio Vacchi, Bruno Giuranna. Oggi la sua carriera continua con questo tipo di progetti a metà tra la ricerca musicale continua e e il bene che essa può portare nella società. Importante oggi è anche la musica antica e la filologia. Dopo aver inciso due dischi per Sony Classical e Bottega Discantica insieme al’Ensemble “Silete Venti!”, ora sta registrando un nuovo cd dell’integrale delle Suites per Violoncello do J.S. Bach, che uscirà a Natale nei negozi.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti (posti non prenotabili).

Info:

Biblioteca Armando Gentilucci

via Dante Alighieri, 11 – 42121 Reggio Emilia

orario di apertura: dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 19, tel. 0522 456772,

e-mail: biblioperi@municipio.re.it, www.municipio.re.it/peri_biblioteca

Pubblicato in Archivio