Grandine di grazie

Stampa articolo Stampa articolo

Se il motto “Sposa bagnata sposa fortunata” fosse estensibile dal sacramento del matrimonio a quello dell’ordine, potremmo ben dire che la nostra Chiesa, sposa di Cristo e dei suoi ministri, ha ricevuto una vera “fortuna” nella persona dei novelli preti don Giancarlo e don Andrea. Tanta fortuna, a giudicare dalla bomba di acqua e grandine che si è rovesciata su Reggio pochi minuti prima che la coinvolgente liturgia di ordinazione avesse inizio. Lo Spirito Santo, oltre alle fiammelle di fuoco, ha voluto così far piovere la sua benedizione sulla Diocesi in forma di copiosa precipitazione, né mancava il vento gagliardo. Il rovescio, arrestatosi – almeno sulla zona del centro storico – intorno alle ore 19, è poi ripreso impetuosamente alle 20, pronto ad accompagnare amici e volenterosi verso i festeggiamenti ai neo ordinati, allestiti nei locali della parrocchia di Sant’Agostino.
Tanti, tantissimi i motivi di gioia, in questa vigilia di Pentecoste dell’Anno Santo straordinario della Misericordia. Tutti dipinti sui volti felici dei tre giovani protagonisti di questa Messa a lungo attesa, che hanno avuto il coraggio di rispondere di sì alla chiamata di Gesù a seguirlo in pienezza, anima e corpo.
Andrea Lazzaretti, il nuovo diacono, che ha davanti l’ultimo anno di preparazione al sacerdozio, già chiamato ad esercitare il suo ministero “con umiltà e carità in aiuto all’ordine sacerdotale, a servizio del popolo cristiano”, come recita una delle formule d’impegno.

Leggi tutto l’editoriale di Edoardo Tincani su La Libertà del 21 maggio

Clicca e abbonati al nostro giornale

PRIMAPAGINA_LaLiberta_20160521

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana Taggato con: , , ,