Bibbiano: viaggio della memoria a Mauthausen e Gusen

Stampa articolo Stampa articolo

Un viaggio indimenticabile, quello compiuto da 81 cittadini di Bibbiano e Cavriago, in particolare studenti delle scuole secondarie di primo grado con i loro genitori, ai campi di concentramento di Mauthausen e Gusen dove, dal  1938 al 1945, migliaia di prigionieri vennero brutalmente assassinati dal regime nazista.

Il viaggio, organizzato congiuntamente dalle sezioni ANPI di Bibbiano e Cavriago con il patrocinio dei due Comuni, è giunto quest’anno alla sua ventunesima edizione, ciascuna densa di emozioni e ricordi e resa particolarmente significativa  grazie, soprattutto, alla partecipazione dei ragazzi e al sostegno convinto delle famiglie.

Ad accompagnare questi viaggiatori nella memoria e nella consapevolezza, Maurizio Mazzacani e Daniele Caminati dell’ANPI di Bibbiano, Raffaella e Stefania Salsi dell’ANPI di Cavriago, il sindaco e il vicesindaco di Bibbiano, Carletti e Tognoni, il vicesindaco di Cavriago, Corradi, gli assessori  Curti e Bellelli e la consigliera comunale Bartoli, di Bibbiano.

“Si tratta di un progetto – dichiara il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti – nato e condiviso per non dimenticare e farne diventare lezione di democrazia, di libertà e di valori civili. Non è stato il mio primo viaggio a Mauthausen. Ogni volta fatico a comprendere come l’uomo possa aver pianificato consapevolmente tanta crudeltà e malvagità, senza, peraltro, conservarne memoria. E’ illusorio pensare che tragedie come questa non si possano più presentare. Anzi assistiamo, anche recentemente, a segnali pericolosi che non dobbiamo sottovalutare e che possiamo prevenire  solo condividendo  i valori fondanti della nostra democrazia. Una democrazia che trova origine nella storia, nell’impegno e nei sacrifici delle donne e degli uomini che hanno combattuto con coraggio e determinazione nel suo nome. Non si può parlare dei Viaggi della Memoria senza ricordare l’amico Nino Fantesini, storico segretario dell’ Anpi di Bibbiano, organizzatore infaticabile di diciannove edizioni del Viaggio, che ha contribuito, con il suo impegno e la sua passione, a diffondere tra le nuove generazioni questi valori democratici.

FullSizeRender

 

Con lui voglio ricordare il partigiano Pietro Iotti di Sant’Ilario, scomparso pochi mesi fa, testimone dell’orrore che ha vissuto da deportato, che ha accompagnato, insieme a  Nino, i tanti ragazzi delle scorse edizioni. Persone  che ci hanno insegnato quanto, rispetto a chi oggi vuole costruire muri e alzare barriere, occorra prestare attenzione reagendo contro l’ indifferenza e le sottovalutazioni. Come ho detto ai ragazzi al ritorno dal viaggio:  scolpite nel vostro cuore ciò che avete ascoltato e visto a Mauthausen e Gusen, parlatene con i vostri amici e un domani con i vostri figli, indignatevi e reagite di fronte alle ingiustizie e all’indifferenza.

Grazie ancora all’ Anpi di Bibbiano e Cavriago in particolare a Orio Vergalli, Daniele Caminati, Maurizio Mazzacani, Stefania e Raffaella Salsi. Grazie a Stefano Corradi, vice sindaco di Cavriago. un grazie speciale a tutti coloro che hanno partecipato al Viaggio della Memoria, in particolare ai ragazzi delle scuole. Presto ci metteremo al lavoro alla prossima edizione del 2017”.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura