Diaconato alla scuola della Visita pastorale

Stampa articolo Stampa articolo

I modi garbati e la disponibilità di don Andrea Volta sono rimasti gli stessi del colloquio di un anno fa. Anzi, il diaconato ha aggiunto una consapevolezza e, verrebbe da dire, una serenità ancora maggiore a questo giovane ventiseienne della parrocchia di Santa Maria Assunta in Reggiolo, membro della Comunità Sacerdotale Familiaris Consortio. (LEGGI LA STORIA DI VOCAZIONE DI DON ANDREA).
Anche per lui, come per don Giancarlo, l’anno del diaconato ha coinciso con un nuovo incarico: dal servizio stabile nell’unità pastorale di Casalgrande e Salvaterra, dove si occupava dei gruppi del dopo Cresima e della visita agli ospiti della Casa famiglia Mattioli-Garavini, è stato chiamato dal Vescovo alla segreteria della visita pastorale. “Avevo già iniziato a prendere contatto con i parroci nel mese di maggio dell’anno scorso – precisa don Andrea – poi abbiamo attuato le prime visite. Nei fine settimana in cui non ero impegnato nella Visita pastorale mi sono appoggiato alla parrocchia di Albinea, che già conoscevo perché avevo fatto alcuni anni di servizio”. Anzi, oggi dobbiamo scrivere unità pastorale “Sacra Famiglia” delle parrocchie di Albinea, Montericco e Borzano: il nuovo nome è stato annunciato dal parroco don Gigi Lodesani proprio alla fine della Visita pastorale che vi si è tenuta dal 5 al 7 febbraio scorsi.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 14 maggio

Clicca e abbonati online al nostro giornale

DSC_2145

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana Taggato con: , ,