Più risorse per l’export

Stampa articolo Stampa articolo

Un’integrazione che vale 200.000 euro: è questo che ha deciso la Camera di Commercio di Reggio Emilia a seguito del notevole interesse riscontrato tra le imprese reggiane sul bando per l’internazionalizzazione, che dallo stanziamento iniziale di 700.000 euro è così passato a 900.000.

A beneficiarne saranno 237 imprese e quell’ulteriore spinta sull’export reggiano che continua a rivelarsi come il primo fattore di sviluppo per l’economia locale in presenza di un mercato interno stagnante o in flessione.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea il presidente dell’Ente camerale, Stefano Landi – dell’esito del bando per l’export, che bene esprime la crescente attenzione delle imprese reggiane ai mercati internazionali”.

“Proprio per questo, e soprattutto partendo da risultati concreti che attestano l’apprezzamento dei prodotti delle nostre imprese anche in mercati extraeuropei – prosegue Landi – stiamo non solo consolidando alcune azioni che si sono rivelate particolarmente efficaci in questi anni, ma soprattutto lavoreremo in questi mesi per ampliare il numero delle imprese che possono realizzare nuovi ed efficaci rapporti commerciali oltre confine”.

importazione-esportazione-contatti

“In particolare – osserva Landi – abbiamo rinnovato un intenso calendario di incoming con operatori commerciali esteri che si articolerà sino a dicembre e coinvolgerà delegazioni di diversi Paesi che mostrano interessanti tassi di sviluppo e, a maggior ragione, spingeremo sul percorso di internazionalizzazione denominato “How to Start an Export Business”, che già ha ricevuto un particolare apprezzamento da parte delle nostre imprese”.

In progetto, in particolare, punta su un accompagnamento che comprende fasi formative e di consulenza.

“Spesso – spiega Landi – quello che emerge come problema comune a quasi tutte le imprese che iniziano ad esportare è la mancanza di una struttura operativa interna dedicata all’export, e questo rende più difficile avere una continuità operativa nello sviluppo e nell’applicazione del piano export”.

La fase di consulenza assicurata dalla Camera di Commercio, dunque, mira ad individuare le criticità che deve affrontare l’impresa, per arrivare poi ad indicare i passaggi da compiere per favorire la riorganizzazione interna e la revisione della propria strategia di comunicazione verso l’estero.

Il percorso è aperto fino ad un massimo di 20 imprese reggiane. La quota di partecipazione (al netto delle risorse messe a disposizione dalla Camera di Commercio) ammonta a Euro 200,00 Iva inclusa, da versare alla conferma di ammissione al Progetto da parte della Camera di Commercio. Le domande possono essere presentate fino al 12 maggio 2016.

Come novità per il 2016, al fine di favorire la candidatura delle imprese partecipanti al “Bando per progetti di promozione dell’export per imprese non esportatrici 2016 della Regione Emilia Romagna” a valere sul Por Fesr 2014-2020 – Asse 3 – Misura 3.4.1, in questa edizione sono previste alcune ore di accompagnamento per la predisposizione delle domande sul bando regionale.

Quest’anno l’azione è realizzata anche grazie ad un co-finanziamento della Regione Emilia Romagna, nell’ambito del bando per la concessione di contributi e progetti di promozione del sistema produttivo regionale sui mercati esteri europei ed extraeuropei “Bricst Plus 2013-2015” – III Annualità – PRAP 2012-2015 Att. 4.1.

Info: Servizio Promozione dell’Ente (tel. 0522 796529/505/528 – mail:promozione@re.camcom.it).

Pubblicato in Articoli, Associazioni