Democrazia in Italia: in crisi o solo affaticata?

Stampa articolo Stampa articolo

L’astensione al voto, che di elezione in elezione in questo ultimo decennio si è notevolmente accresciuta, la crisi dei partiti con larga base di iscritti, l’introduzione delle primarie (quasi sempre pasticciate e con regole variabili) che estremizza al massimo la personalizzazione della politica (dove stanno adesso i programmi? Ci sono ? Chi li conosce?), l’uso sempre più diffuso e determinante “nel far politica” dei mezzi di comunicazione, con l’avvento del web e dei social network, stanno indubbiamente mettendo in crisi la democrazia rappresentativa. Che va detto, viene assunta e normata come principio inviolabile della nostra Carta costituzionale del ’48. Se abbiamo occasione di frequentare qualche libreria ben fornita, troveremmo una pila di volumi dedicati a questa svolta nel sistema politico italiano, che rappresentano un’assoluta novità per il nostro Paese. Ad esempio il libro “Contro le elezioni. Perché votare non è più democratico” di David Van Reybrouck (Feltrinelli): questa tesi sembra ostentata, più che esposta; gli fanno ala altri due testi che fanno pensare: “Ciò che resta della democrazia” di Geminello Preterossi e “Dentro e contro” di Marco Revelli, dedicato al populismo di governo (entrambi editi da Laterza).

Leggi il testo integrale dell’articolo di Luigi Bottazzi su La Libertà del 26 marzo

Abbonati online al nostro giornale, conviene!

parlamento-italiano-OK

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: , , ,