Uno strano concerto senza strumenti

Stampa articolo Stampa articolo

Si può fare un concerto di musica da camera senza gli strumenti musicali?

E senza avere un Coro a disposizione?

I ragazzi di “Come un’orchestra” (CUO) rispondono di sì e lo fanno proponendo uno “strano concerto senza strumenti” domenica di Pasqua alle ore 17:30 nella Chiesa della Madonna dell’Uliveto di Montericco nell’ambito della rassegna Phos Hilaron promossa dalla Casa Madonna dell’Uliveto e dall’IDML di Reggio Emilia.

Il repertorio proposto comprende opere di alcuni dei più importanti compositori del ‘900 e contemporanei che spaziano dal dadaismo, al minimalismo, allo sperimentalismo.

Tra gli autori proposti John Cage (Los Angeles, 5 settembre 1912 – New York, 12 agosto 1992) compositore, teorico musicale e scrittore statunitense. È considerato una delle personalità più loc_Ph06rilevanti e significative del Novecento; la sua opera, centrale nell’evoluzione della musica contemporanea, prende il via da una idea romantica spostandosi poi verso l’ aleatorietà e la filosofia Zen fino ad esplorare l’inesistenza del silenzio.

E poi Steve Reich (New York 1936) padre del minimalismo musicale, Kurt Schwitters (Hannover 1887- Kendai 1848) pittore ed artista tedesco attivo soprattutto in ambito cubista e dadaista e Paolo Castaldi da molti indicato come il massimo esponente del dadaismo italiano ma che sempre ha rifiutato questa etichetta dichiarando piuttosto la propria appartenenza alla postavanguardia.

E poi ancora Filidei e Toch; un percorso tra opere poco ascoltate, a volte provocatorie, tutte di notevole rilevanza storica per gli influssi che hanno avuto sulla musica e sulla cultura degli ultimi anni.

“Come un’Orchestra”(CUO)  e’ il percorso musicale iniziato 5 anni fa all’interno dell’IDML, ora costituitosi in forma associativa propria, indirizzato ai ragazzi dagli 11 ai 18 anni con lo scopo di potenziarne le conoscenze e la creatività musicali dando loro la possibilità di appropriarsi a tutto tondo del linguaggio sonoro.

Momenti fondamentali di questo percorso sono i due Camp, estivo ed invernale, che si svolgono nel nostro Appennino durante i quali ci si immerge in una intensa e particolare attività musicale che i docenti hanno elaborato ispirandosi al lavoro della Walden School of Music di Dublin nel New Hampshire (USA).

Venite!

Questo concerto sarà un piacevole itinerario da percorrere, una esperienza per molti inusuale ma leggera, un incontro speciale, sicuramente divertente.

I ragazzi di CUO, i tutors,  le “spalle” e i docenti vi invitano a trascorrere insieme questo pomeriggio di Pasqua.

Ingresso libero limitato ai posti disponibili.

È gradita una offerta per le attività della Casa.

Pubblicato in Archivio