Unindustria Reggio Emilia ha ospitato il workshop “L’internet delle cose”

Stampa articolo Stampa articolo

La sede di Unindustria Reggio Emilia ha ospitato nei giorni scorsi il workshop “L’internet delle cose”, terza tappa del “Viaggio nell’Italia che innova”, organizzato da Confindustria e Il Sole 24 Ore, in collaborazione con Ernst&Young.

Questo “viaggio” nasce con l’obiettivo di scoprire e raccontare l’innovazione nei territori attraverso la voce dei protagonisti dell’imprenditoria e delle istituzioni e la condivisione di storie di successo, necessarie per generare il più ampio processo di innovazione del Paese.

Il workshop sul tema “L’internet delle cose” è stato un momento prezioso di riflessione e condivisione su come l’impresa può crescere, conoscere, connettersi e creare, con interventi e racconti in diretta delle esperienze eccellenti e vincenti sul territorio.

unindustria_innova

Ha introdotto i lavori, moderati dal giornalista Luca De Biase, Responsabile Nòva 24, Giannicola Albarelli, Vicepresidente Unindustria con delega all’Innovazione, Ricerca e Qualità.

Andrea Bairati, Direttore Politiche Territoriali, Innovazione ed Education di Confindustria, ha trattato il tema “Nuovo Manifatturiero 4.0”.

E’ seguito l’intervento di Fabio Storchi, Presidente Federmeccanica.

Andrea Bassanino, Partner Ernst&Young e Antonella Pelaggi, Senior Business Advisor EY, hanno analizzato scenario di mercato, dinamiche e trend.

L’impresa Aizoon ha portato la propria testimonianza sull’argomento “Competenza e know how tecnologico al servizio dell’innovazione”.

In chiusura si sono susseguiti altri contributi aziendali: Matteo Guerra, Argo Tractors, Gino Mainardi, Cobo, Lorenzo Vezzani, Corghi, Stefano Marzani, Dquid, Gianluca Barbolini, Emak e Luca Larcher, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Pubblicato in Articoli, Associazioni