Come il cane sono anch’io un animale socievole, incontro su Jack London

Stampa articolo Stampa articolo

In occasione del 140° della nascita e del 100° della morte di Jack London, il Centro Teatrale MaMiMò, con una creazione collettiva del suo nucleo artistico, omaggia il grande scrittore americano con una pièce liberamente ispirata a “La peste scarlatta”e “La forza dei forti”.

Autore autentico, diretto, immediato, visionario in molte sue opere. La sua semplice quanto inoppugnabile lettura del mondo si fonda sulla struggle for life di stile darwiniano e si ancora, nella sua vita personale quanto nella sue opere, alla lotta continua e incessante dell’uomo contro una natura ostile e selvaggia. La wilderness che pervade tutta l’opera di Jack London, e che resta lo scenario di fondo di questo scrittore, si potrebbe quasi considerare un rifiuto dell’uomo a soccombere alla natura e quelle logiche di sottomissione della società e dei poteri forti.

Come-il-cane..

Per approfondire l’opera di Jack London, una delle figure letterarie più interessanti uscite dagli Stati Uniti, e le tematiche presenti all’interno dello spettacolo, domenica 20 marzo alle 19, al termine della replica dello spettacolo, ci sarà un incontro aperitivo,(Ri)Scoprire Jack London”. All’incontro, gratuito ed aperto al pubblico, interverranno Davide Sapienza, scrittore, giornalista, traduttore, autore di reportage e tra i maggiori studiosi internazionali di Jack London e Massimo Navone, regista ed autore dello spettacolo. Davide Sapienza è il principale traduttore e conoscitore italiano di London, ha curato e tradotto, per varie case editrici fra cui Feltrinelli, Mondadori e Mattioli 1885, le edizioni di “Zanna Bianca”, “Il Richiamo della Foresta”, “Martin Eden”, “Preparare un fuoco”, “I diari dell’Apocalisse”, “Rivoluzione”( prima inedito in Italia), “La Strada. Diari di un vagabondo” e tanti altri. Grazie agli studi londoniani è stato invitato dalla American Literature Association per una conferenza sul Naturalismo a Newport Beach in California. Si dedica a forme di narrativa intrecciate al legame con la Terra, al viaggio, al cammino. Dal novembre 2013 scrive per il dorso bergamasco del Corriere della Sera.

Come il cane sono anch’io un animale socievole, nuova produzione del Centro Teatrale MaMiMò, in scena al Teatro Piccolo Orologio venerdì 18, sabato 19 marzo alle ore 21 e domenica 20 marzo alle ore 17, dopo il debutto avvenuto il weekend appena trascorso, porta sul palcoscenico di via Massenet le tamatiche forti dell’opera londoniana.

‘La peste scarlatta’ si conferma, nella curiosa coincidenza della sua ambientazione temporale con i nostri giorni e il nostro prossimo futuro, un contenitore di temi e suggestioni di grande attualità.

Come-il-cane..

L’idea dello spettacolo non è quella di mettere in scena un adattamento teatrale del racconto, ma di coinvolgere il pubblico in un’esperienza partecipata e ‘interattiva’. Ricreando attraverso il gioco e la suggestione del teatro alcune delle situazioni di maggiore intensità drammatica immaginate da London, gli attori chiederanno al pubblico di prendere posizione rispetto a dinamiche relazionali, comportamenti, reazioni emotive, scelte strategiche, e saranno pronti a sviluppare l’azione in un senso o in un’altro in base alle risposte ricevute, sperimentando circostanze ed esiti diversi di serata in serata. La forza dei forti’ viene presentata a concludere lo spettacolo in una forma ironica che fa riferimento ai drammi didattici Brechtiani e alle affabulazioni di Dario Fo. Sul palcoscenico di via Massenet vedremo in scena Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Marco Maccieri e Marco Merzi, creatori dello spettacolo insieme ad Emanuele Aldrovandi, Massimo Navone ed Angela Ruozzi. Il progetto e la regia dello spettacolo sono di Massimo Navone, regista stabile della compagnia, che nella sua lunga carriera ha lavorato con artisti come Franco Branciaroli, Sergio Rubini, Fabrizio Bentivoglio, Margherita Bui, Adriana Asti, Cochi Ponzoni, Enzo Iacchetti, Antonio Albanese, Enrico Bertolino, Gene Gnocchi. E’ autore di testi e adattamenti per il teatro, la radio e la televisione, ed è stato Direttore della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi dal 2003 al 2015.

Biglietti: 14€ e 12€.  Per informazioni e prenotazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com, www.mamimo.it,0522383178 dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:30 e nei giorni di spettacolo

Pubblicato in Archivio Taggato con: ,