Presentato il torneo di rugby “Città del Tricolore”

Stampa articolo Stampa articolo

Si svolge a Reggio Emilia domenica 20 marzo il Sesto torneo Città del Tricolore, manifestazione sportiva organizzata dal club Rugby Reggio, rivolta a bambini e giovanissimi rugbisti, dai 5 ai 12 anni, di 20 società provenienti da tutta Italia, suddivisi in 78 squadre, che si daranno battaglia al centro sportivo di via Assalini, per vincere il titolo “Conad” e aggiudicarsi il terzo Memorial dedicato al ‘Diavolo’ Alberto Cigarini.

Alla conferenza stampa di presentazione del Torneo hanno partecipato il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, il presidente del Rugby Reggio Giorgio Bergonzi e il direttore generale del Rugby Reggio Roberto Manghi. Era presente Mauro Rondanini, in rappresentanza di Conad, main sponsor.

“Nel  caso di Rugby Reggio – ha detto il sindaco Vecchi – le ragioni per ringraziare sono più di una. La prima è per aver organizzato il sesto Torneo del Minirugby Città del Tricolore, bellissima manifestazione a cui partecipano numerosi ragazzi con le loro famiglie: ciò significa contribuire a rendere più attrattiva e a far conoscere sempre meglio la nostra città. Il Torneo si inserisce in quel carnet di iniziative sportive, sempre più ricco, che  fa della nostra città una capitale nazionale di eventi sportivi a ogni livello, penso ad esempio ai Giochi internazionali del Tricolore o alla finale della Champions League femminile.

“Un’altra ragione per dire grazie al Rugby Reggio – ha aggiunto il sindaco – è il suo impegno constante, una vera responsabilità progettuale, oltre che nelle attività sportive specifiche, anche nell’educazione dei bambini e dei ragazzi del settore giovanile attraverso lo sport: un fatto di grande rilievo e beneficio per la comunità reggiana. E infine, un ringraziamento a Conad, che sostiene questo evento, ribadendo il proprio importante e consolidato impegno per il territorio e la comunità in cui questa azienda opera”.

Rugby---Sesto-torneo-reggio-emilia

“Sta a noi – ha detto Bergonzi – ringraziare l’Amministrazione comunale, così come altre

Istituzioni locali, incluse Fondazione per lo Sport, che ci ha concesso la compartecipazione, e Provincia. Tutte ci sono state vicine nell’organizzazione di questa manifestazione davvero molto importante per il nostro club. Per noi rappresenta l’evento di punta del nostro settore giovanile, siamo giunti quest’anno alla sesta edizione e con soddisfazione abbiamo riscontrato un boom di iscrizioni. Ciò evidenzia come questo di Reggio Emilia si stia affermando sempre di più tra i tornei propaganda per diverse Società di tutta Italia. Oltre ad essere un grande evento sportivo rivolto ai più giovani, sarà soprattutto una bella festa a cui ci auguriamo partecipi tutta la città”.

Il direttore generale Manghi ha evidenziato alcuni aspetti organizzativi della manifestazione: “Questo torneo rappresenta ogni anno una grande sfida per il nostro club, perché impegna non solo tutta la struttura societaria, ma coinvolge oltre un centinaio di volontari, tra genitori dei bambini e appassionati, per riuscire a dar vita ad un grande evento, facendo in modo che in questa giornata vincano i valori e lo spirito del rugby. Il fulcro centrale di tutta la manifestazione, con le zone ristoro, le finali e le premiazioni, sarà nei nostri campi della Canalina. Ma 1.200 bambini sono davvero troppi per il nostro centro sportivo, per questo abbiamo cercato e trovato la collaborazione delle realtà sportive del quartiere; l’associazione sportiva del Reggio Calcio, la Compagnia Arcieri del Torrazzo, la Pallavolo Reggiana Femminile e le Arti Grafiche Basket, si sono rese disponibili ad aiutarci mettendoci a disposizione campi e spogliatoi. In questo modo la festa sarà davvero di tutto il rione e tanti cittadini potranno godere dello spettacolo.

“Pensiamo di aver fatto una meta importante, formalizzando la collaborazione con queste realtà in linea con quella filosofia di collaborazione e di apertura, e non di chiusura come spesso accade nel mondo sportivo, perché dalla migliore accoglienza ai tanti atleti e alle loro famiglie provenienti da tutta Italia, ci guadagnerà anche l’immagine della nostra città. Un grazie va anche all’Associazione provinciale degli Alpini che si occuperà del pranzo di tutti gli atleti.

“Il nostro impegno — ha concluso Manghi — è quello di regalare un’esperienza che i piccoli atleti ricorderanno per sempre, ma questo non sarebbe stato possibile senza il sostegno anche dei nostri partner, in particolare Conad, Lacertosus, Parmigiano Reggiano, Montanari & Gruzza e la Felinese, che hanno creduto in questo evento. Tutto fa presumere un buon inizio, i numeri ci sono, ora speriamo che anche la città ci faccia sentire il suo calore venendo a tifare questi piccoli atleti”.

Sul piano tecnico, tutti gli atleti non convocati per la trasferta contro il Tarvisium saranno in campo domenica per questo torneo.

Queste le venti società dell’edizione 2016: Rugby Reggio, Noceto Rugby, Rugby Parma, Amatori Parma, Rugby Viadana, Modena Rugby, Rugby Milano, Amatori Prato, Cus Torino, Asti Rugby, Rugby Treviso, Cus Milano, Rugby Roma, Capitolina Rugby, Collegno Rugby, Gispi Prato, Cittadella Rugby, Valpolicella Rugby, Amatori Milano e la rappresentativa francese di Sanary sur Mer.

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura Taggato con: , , ,