Vicariato Urbano, che scrigno

Stampa articolo Stampa articolo

Nel progetto diocesano le diverse comunità formeranno 12 unità pastorali

Il Vicariato Urbano è il più “denso”: 220 kmq di estensione (quasi tutto il Comune di Reggio Emilia e il Comune di Bagnolo); popolazione di oltre 170 mila abitanti, ovvero quasi un terzo della popolazione della Diocesi.
Parrocchie, unità pastorali e zone: 52 parrocchie + 2 ospedaliere (Santa Maria Nuova ed ex Istituto San Lazzaro), che nel progetto diocesano formeranno 12 unità pastorali, di cui 9 già diventate operative (o quasi) con le nomine all’inizio di questo anno pastorale. Dunque, è il Vicariato con più parrocchie (e unità pastorali) e quello con più densità di popolazione. Per questo già con la ristrutturazione nel 2002 dei Vicariati, nel Vicariato urbano – allora di 49 parrocchie, quasi tutte con parroco residente – furono individuate 7 zone pastorali dove le parrocchie erano invitate a camminare insieme, facendo riferimento in ogni zona alla figura di un parroco coordinatore. I 7 parroci coordinatori aiutavano il Vicario urbano nella programmazione pastorale.
Ora per assicurare che in ogni zona ci siano almeno due unità pastorali (UP) che possano collaborare su alcuni ambiti, verso la fine del 2015 sono state individuate 5 nuove zone: Centro storico – Ospizio (UP 1 e 11); Zona Nord (UP 2, 10 e 12); Zona di Pieve (UP 3, 4, 5); Zona di San Pellegrino (UP 6 e 7); Zona Sant’Anselmo – Fogliano (UP 8 e 9). Clero secolare: 55 sacerdoti, di cui 21 parroci (uno, quello di San Giorgio, è greco-cattolico), 7 giovani vicari parrocchiali (uno è extradiocesano), 13 parroci emeriti (di cui 4 non svolgono più ministero attivo), 13 collaboratori pastorali (1 è extradiocesano e uno della Fraternità di San Carlo; dei tredici, 7 sono collaboratori solo festivi). Nella parrocchia di Santa Teresa risiede e svolge servizio pastorale il vescovo emerito Adriano Caprioli. 8 sacerdoti sono cappellani (di cui uno extradiocesano dal Ghana e uno della Fraternità di San Carlo; 3 dei restanti sono “emeriti”); 7 sacerdoti (compreso il rettore) risiedono in Seminario o sono insegnanti a tempo pieno (uno insegna a Milano e uno insegna a Roma); 1 sacerdote e un diacono della Fraternità San Carlo sono a tempo pieno nella segreteria del Vescovo; 1 sacerdote abita fuori Reggio ma svolge il ministero di cappellano in Città; 3 sacerdoti risiedono a Reggio ma svolgono servizio altrove; 1 sacerdote è attualmente in una comunità monastica.

Continua a leggere l’articolo su La Libertà del 5 marzo

Per abbonarti al nostro giornale CLICCA QUI

vicariato-urbano

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana Taggato con: ,