L’indagine Coldiretti sulle agromafie

Stampa articolo Stampa articolo

L’intensità dell’associazionismo criminale è elevata nel Mezzogiorno, ma emerge con chiarezza come nel Centro dell’Italia il grado di penetrazione sia forte e stabile e particolarmente elevata in Abruzzo ed in Umbria, in alcune zone delle Marche, nel Grossetano e nel Lazio, in particolar modo a Latina e Frosinone.

Anche al Nord il fenomeno presenta un grado di penetrazione importante in Piemonte, nell’Alto lombardo, nella provincia di Venezia e nelle province romagnole lungo la Via Emilia.

E’ quanto emerge dell’Indice di Organizzazione Criminale (IOC) elaborato dall’Eurispes nell’ambito del quarto Rapporto Agromafie con Coldiretti e l’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare che si fonda su 29 indicatori specifici e rappresenta la diffusione e l’intensità, in una data provincia, del fenomeno dell’associazione criminale, in considerazione delle caratteristiche intrinseche alla provincia stessa e di conseguenza sia di eventi criminali denunciati sia di fattori economici e sociali.

agromafie

 

In regioni quali la Calabria e la Sicilia si denota un grado di controllo criminale del territorio pressoché totale, al pari della Campania. Tale risultanza, purtroppo non particolarmente sorprendente, riflette la forza e l’estensione di organizzazioni quali la ‘Ndrangheta, la Mafia e la Camorra. Il grado di controllo e penetrazione territoriale della Sacra Corona Unita in Puglia si mantiene elevato. Il livello medio-basso dell’IOC racchiude gran parte delle maggiori province del Centro e Nord Italia, quali Genova (23,4), Torino (18,8), Firenze (18,8), Milano (17,9), Bologna (15,2) e Brescia (14,9), Reggio Emilia (10,4).

INDICE DI CRIMINALITA’: LA MAPPA DEL TERRITORIO

Province IOC Province IOC Province IOC
Ragusa 100,0 Pistoia 35,1 Venezia 15,6
Reggio Calabria 99,4 Cagliari 34,7 Bologna 15,2
Napoli 78,9 Ancona 34,5 Brescia 14,9
Pescara 71,4 Gorizia 32,7 Ravenna 14,4
Caltanissetta 69,4 Teramo 31,5 Lucca 14,3
Caserta 68,4 L’Aquila 31,2 Forlì-Cesena 13,9
Foggia 67,4 Terni 30,0 Sondrio 13,8
Vibo Valentia 65,3 Viterbo 29,1 Varese 12,9
Crotone 58,4 Italia 29,1 Massa-Carrara 12,5
Catania 57,5 Trieste 27,9 Siena 12,1
Perugia 55,9 Ascoli Piceno 27,8 Verona 11,5
Catanzaro 55,3 Oristano 27,1 Pavia 11,1
Imperia 54,3 Grosseto 26,9 Padova 11,0
Brindisi 51,6 Alessandria 26,9 Reggio nell’Emilia 10,4
Frosinone 49,3 Roma 26,7 Cremona 10,3
Siracusa 49,2 Chieti 26,3 Mantova 9,4
Isernia 48,9 Novara 24,5 Udine 9,3
Enna 48,4 Savona 24,1 Modena 8,7
Palermo 47,5 Asti 24,0 Lodi 8,6
Cosenza 47,3 Prato 24,0 Piacenza 8,1
Nuoro 46,3 Arezzo 23,9 Parma 7,7
Sassari 45,9 Genova 23,4 Ferrara 6,4
Trapani 45,3 Macerata 23,3 Bergamo 5,9
Salerno 44,3 Verbano-Cusio-Ossola 22,7 Cuneo 5,7
Agrigento 43,4 Rimini 21,7 Como 5,6
Latina 43,3 Rovigo 21,3 Vicenza 4,6
Potenza 42,9 Livorno 20,2 Pordenone 3,0
Campobasso 42,7 Fermo 19,7 Bolzano 1,5
Avellino 42,3 Rieti 19,6 Belluno 0,9
Barletta-Andria-Trani 40,9 Vercelli 19,1 Trento 0,6
Bari 40,9 Biella 18,8 Treviso 0,5
Messina 40,6 Torino 18,8 Monza e della Brianza 0,1
Taranto 39,4 Firenze 18,8 Lecco 0,0
La Spezia 38,7 Milano 17,9 Carbonia-Iglesias .
Lecce 37,4 Pesaro e  Urbino 17,3 Medio Campidano .
Matera 37,3 Pisa 17,1 Ogliastra .
Benevento 35,7 Aosta 17,1 Olbia-Tempio .

Fonte: Eurispes

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: