Confcooperative, si cambia

Stampa articolo Stampa articolo

L’assemblea del 20 febbraio ha visto Giuseppe Alai lasciare il timone dopo 20 anni

Matteo Caramaschi, 40 anni, reggiolese, vicepresidente della cooperativa Agricola Gorna e della latteria sociale Cavechia, è il nuovo presidente di Confcooperative Reggio Emilia. L’elezione di Caramaschi, per acclamazione, è avvenuta nell’ambito dell’assemblea congressuale quadriennale della centrale cooperativa, alla cui guida Caramaschi succede a Giuseppe Alai, che non si è ricandidato ad un incarico ininterrottamente ricoperto dal 1996.
Caramaschi, perito agrario, figura di spicco della cooperazione agroalimentare reggiana (già a 28 anni giunse alla presidenza della federazione provinciale delle coop agricole ed agroalimentari di Confcooperative), già componente il Consiglio di presidenza dell’organizzazione e consigliere nazionale di Confcooperative, assume così la guida di una centrale cui fanno capo 408 imprese con 52.653 soci, quasi 16.500 occupati (+6,6% nell’ultimo quadriennio) e un fatturato superiore ai 4 miliardi.
Un sistema – come ha ricordato il presidente uscente, Giuseppe Alai – che negli ultimi anni ha visto le cooperative impegnate su una priorità assoluta: quella tutela del lavoro che le ha portate a grandi sacrifici sul versante della redditività, ma ne ha anche riaffermato pienamente quella funzione sociale che resa il tratto distintivo dell’autentica cooperazione.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 27 febbraio

Per abbonarti al nostro giornale CLICCA QUI

matteo-caramaschi

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , ,