«L’arte salverà la biodiversità»: a Bologna le opere di Gianpaolo Marchesi

Stampa articolo Stampa articolo

Ingegnere e insegnante, ha preso spunto da un progetto scolastico sui frutti antichi per creare un’espressione artistica che avvicina pittura e fotografia

“La passione per le piante, che da sempre mi anima, ha fatto nascere I colori della biodiversità”: Gianpaolo Marchesi, ingegnere e insegnante di Castelnovo ne’ Monti, presenta così il suo progetto artistico, che a fine gennaio è approdato “a palazzo”, in una residenza nobiliare del Cinquecento, nel centro di Bologna, in occasione di un evento internazionale di pittura, scultura e fotografia.
“Tutto è iniziato alcuni anni fa, nell’ambito di un programma dell’istituto comprensivo castelnovese – spiega Marchesi – che riguardava, con il coinvolgimento diretto degli studenti, il recupero e la valorizzazione dei frutti antichi del territorio, per contrastare la progressiva perdita della biodiversità. Questa attività di studio, che coordinavo e che ha permesso ai ragazzi di sperimentare e applicare, fra l’altro, diverse tecniche di innesto, mi ha ispirato alcune pitture, che ho realizzato con la tecnica dell’affresco. Ora, invece, la mia attenzione si è soffermata sulla fotografia digitale, con la riproduzione di ombre di piante e animali, ottenute con luci policromatiche”.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 6 febbraio

Per abbonarti al nostro giornale CLICCA QUI

Gianpaolo-Marchesi-accanto-all'opera-che-sarà-esposta-a-Bologna

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: , ,