Un anno di attività della Polizia provinciale

Stampa articolo Stampa articolo

Tempo di bilanci anche per la Polizia provinciale di Reggio Emilia. La presentazione del report sull’attività di vigilanza svolta dal Corpo nel corso del 2015 – che ha rappresentato anche l’occasione per illustrare il nuovo profilo della Polizia provinciale in seguito al riordino istituzionale e per presentare il nuovo comandante – è avvenuta questa mattina a Palazzo Allende, dove il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, ha incontrato gli organi di informazione insieme al dirigente Valerio Bussei e al nuovo comandante della Polizia provinciale di Reggio Emilia, Lorenzo Ferrari. “A 15 mesi dalla legge di riforma la Polizia provinciale resta dunque in carico alle Province, un esito niente affatto scontato visto che nell’ultimo anno si erano avanzate le più disparate ipotesi circa il destino di un Corpo che ha una propria specifica vocazione, in particolare in campo faunistico e venatorio, che, in questo modo, viene salvaguardata – ha detto il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi – Anche i numeri del 2015 mesi dicono che, pur in un anno complicato in cui si è ridisegnato l’ente, la Polizia provinciale reggiana ha svolto con alacrità e serietà un’attività importante. E, in questi giorni in cui si fa molto ironia, anche questi numeri confermano che, come dice la legge, le Province non sono state cancellate, ma continuano a esistere anche se sono stati rideterminati i loro compiti. E cont inueranno comunque a esistere – a prescindere dell’esito del referendum costituzionale – se non col nome di Province, comunque come ente intermedio tra la Regione e i singoli Comuni”.

polizia-provinciale

 

Tutti i numeri della Polizia provinciale

E’ stato lo stesso comandante Lorenzo Ferrari ha illustrare i dati dell’attività di controllo, prevenzione e repressione di comportamenti illeciti in diversi ambiti di competenza, ma soprattutto in materia di caccia e gestione della fauna selvatica, svolta dalla Polizia provinciale nel corso del 2015, “Numeri decisamente rilevanti – ha detto – nonostante l’ormai cronicamente ridotto organico a disposizione del Comando, che hanno visto gli agenti impegnati anche in campo ambientale e di Protezione civile, nel controllo del Polo scolastico di via Makallé e nel rispetto del Codice della strada”. Nello specifico gli agenti della Polizia Provinciale di Reggio Emilia (15 operatori ad inizio anno divenuti 12 col passare dei mesi), hanno contestato 444 verbali in materia di caccia (332 dei quali, però, relativi solo al mancato rispetto di formalità burocratiche connesse al tesserino di cui i cacciatori sono tenuti a munirsi). Inoltre 9 persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica per bracconaggio o altri reati connessi all’attività venatoria.

Per 4 denunce nei confronti di ignoti, invece, non si è purtroppo potuto risalire ai colpevoli di uccisioni di animali domestici o protetti. L’attività di controllo in campo ambientale ha portato alla contestazione di 27 verbali per violazioni connesse allo smaltimento dei rifiuti o alla gestione dei reflui zootecnici. Sono state inoltre constatate 6 violazioni in materia di pesca e tutela della fauna ittica, 3 violazioni ai regolamenti delle Aree Protette o della Rete Natura e 6 violazioni tra disciplina della raccolta di funghi e tartufi e Prescrizioni di Polizia forestale. I dati relativi ai sequestri, tra amministrativi e penali, sono i seguenti: 48 verbali per un totale di 50 animali (25 vivi ed altrettanti, purtroppo, morti) 40 attrezzi vietati (trappole, tagliole, lacci, richiami acustici, strumenti da taglio, ecc…), 6 fucili e 48 munizioni, 3 canne da pesca, 1 tramaglio (rete vietata), funghi, eccetera. In tutti gli ambiti di competenza l’ufficio della Polizia provinciale ha inoltre gestito tutti i verbali, in totale 731, provenienti anche da tutti gli altri enti con potere d’accertamento quali la Polizia municipale, la Polizia stradale, il Corpo forestale dello Stato, l’Arpa, le Guardie ecologiche volontarie, i guardiacaccia e i guardiapesca volontari.

L’attività di controllo sulla circolazione ha portato alla contestazione di 151 verbali per violazioni al Codice della Strada. Sono stati posti sotto sequestro o fermo 7 veicoli tra auto e motocicli e sono stati decurtati complessivamente 178 punti dalle patenti di conducenti indisciplinati. Ma l’attività della Polizia provinciale non si è limitata all’accertamento di violazioni: risultano infatti effettuati 22 recuperi, con consegna a centri di riabilitazione autorizzati, di animali selvatici feriti; è stato inoltre assicurato l’appoggio, in numerose altre situazioni, al Cras Matildico, il soggetto incaricato del recupero degli animali selvatici incidentati o in difficoltà per conto della Provincia. “L’impegno nell’assistenza alla circolazione stradale si è reso particolarmente utile in occasione di eventi climatici a partire dalla nevicata dello scorso febbraio, in caso di piene, allagamenti o delle varie frane che flagellano il nostro Appennino, circostanze che hanno visto le pattuglie spesso impegnate nel dirottamento del traffico per interruzioni o modifiche alla viabilità in collaborazione con il personale delle Unità operative di Manutenzione stradale della Provincia”, ha concluso il comandante Ferrari.. Da non trascurare anche la frequente collaborazione della Polizia provinciale ad attività di Protezione civile, specie in occasione della ricerca di persone disperse per le quali il Corpo è dotato anche di una unità cinofila (il pastore tedesco Ciaki), e – come ha sottolineato il dirigente Valerio Bussei – “l’organizzazione e l’esecuzione dei piani di limitazione della fauna selvatica dannosa all’interno delle zone precluse all’attività venatoria, i sopralluoghi per la verifica di atti predatori da parte di lupi o altri canidi, per la presenza di bocconi avvelenati, gli interventi per narcotizzare animali problematici e varie attività di monitoraggio e raccolte dati relativi alla fauna selvatica”. “Nel 2015 sono ammontati a 167.000 euro i danni alle colture agricole accertati prodotti dalla fauna selvatica”, ha spiegato Bussei ricordando anche i circa 300 incidenti stradali provocati, nella maggior parte dei casi da caprioli. La presenza della Polizia provinciale sul territorio risulta inoltre molto utile per la continua attività di informazione svolta a favore della cittadinanza, specialmente in ambiti di competenza particolari, contribuendo a favorire una corretta ed aggiornata conoscenza delle norme.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: ,