A Cobo il Premio nazionale Meccatronica 2015

Stampa articolo Stampa articolo

La nona edizione del Premio Italiano Meccatronica, organizzato e promosso da Unindustria Reggio Emilia in collaborazione con il Club Meccatronica, è stata assegnata a Cobo, il gruppo bresciano tra i leader in produzione e progettazione di componenti elettrici per macchine agricole, veicoli industriali, auto e moto.

Il Comitato Scientifico riunitosi nelle scorse settimane a Reggio Emilia, ha premiato Cobo per aver adottato soluzioni meccatroniche che hanno permesso di sviluppare prodotti innovativi tali da creare una discontinuità positiva nel settore d’appartenenza.

Cobo è stata premiata: “Per aver ideato e realizzato innovative soluzioni tecniche con l’obiettivo di semplificare e rendere più sicura l’attività degli operatori sui mezzi di lavoro. Per il ruolo di leadership a livello mondiale nello sviluppo e nella fornitura di componenti e sistemi elettronici ed elettromeccanici per macchine agricole, veicoli industriali, auto e moto. Ed in particolare per aver ideato una serie di innovativi prodotti meccatronici tra i quali da ultimo la colonnetta sterzo “Integrata”, un dispositivo che centralizza i comandi di guida dei veicoli di ultima generazione e che, nella versione “steer by wire”, consente al volante stesso di diventare un sensore in grado di mandare le informazioni necessarie alla centralina. Questi risultati sono stati raggiunti grazie a continui investimenti in ricerca, in innovazione tecnologica e alta qualità dei prodotti”.

Presieduto da Mauro Severi, Presidente Unindustria Reggio Emilia, il Comitato Scientifico è composto da Maurizio Brevini, Presidente Club Meccatronica, Luca De Biase, Caporedattore Nòva 24 – Il Sole 24 Ore, Cesare Fantuzzi, Docente Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Enzo Rullani, Docente Venice International University e Auro Palomba, Presidente di Community Group, come segretario.

505439d8-5f4f-4e62-9d1f-621bb714cfab

La cerimonia di premiazione si è svolta presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia, in occasione del convegno “2016 Reagire al cambiamento, rilanciare le imprese e il Paese”.

Con un fatturato 2014 di 250 milioni di euro, su cui per il 70% circa incide l’export, e 1.500 dipendenti nel mondo, Cobo è tra i leader in produzione e progettazione di componenti elettrici per macchine agricole, veicoli industriali, auto e moto. L’obiettivo del gruppo bresciano è scalare il mercato delle soluzioni integrate e delle forniture per veicoli offhighway seguendo quattro linee guida: fornire valore aggiunto a macchine di qualsiasi cilindrata; ridurre i componenti e aumentare prestazioni; investire nell’hi-tech, inteso come spinta tecnologica; lavorare su nuovi sistemi integrati. Proprio su quest’ultimo punto si è focalizzata l’attenzione del Comitato Scientifico che ha individuato nel sistema di controllo automatizzato per il comando della guida la soluzione innovativa in grado di determinare vantaggi competitivi distintivi sui mercati internazionali.

Le altre aziende finaliste, selezionate con la collaborazione di Nòva24 – Il Sole 24 Ore, media partner dell’iniziativa, sono: Fidia, primaria realtà torinese produttrice di sistemi di fresatura; Galdi, l’impresa trevigiana specializzata nella costruzione di macchine riempitrici per il settore alimentare; InterPuls, produttrice di componenti e sistemi per impianti di mungitura di Reggio Emilia; Mbl Solutions, la società barese specializzata nella robotica e nelle macchine per automazione.

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , , ,