Verso il Giubileo: la giustizia del Vangelo

Stampa articolo Stampa articolo

“Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei non entrerete nel Regno dei cieli” (Mt. 5,20).
“Se non avremo misericordia, ci attenderà un giudizio senza misericordia” (Mt. 5,7).paginadei lettori
“Misericordia io voglio e non sacrifici” (Mt 9,13).
Mentre la giustizia può essere solo giudizio, la misericordia tocca il cuore e ricrea. Al peccatore che non applica la giustizia viene offerta l’opportunità di ravvedersi.
Il Vangelo dà il primato alla misericordia prevedendo l’uomo peccatore, ma consiglia dettagliatamente come comportarci, ed è qui che siamo carenti nell’“insegnare” e nel “mostrare”: ecco perché siamo certi che il Giubileo della misericordia indetto da papa Francesco non può che essere legato alla giustizia. Nelle Beatitudini l’insegnamento è evidente, due volte prevede “…perché di essi è il Regno dei Cieli”. Nella prima beatitudine: “Beati i poveri in spirito, perché…” (la più importante perché prevede il mendicare i valori dello Spirito, con la conversione si è capaci di attuare tutte le altre).

Continua a leggere l’articolo di Nando Cottafavi nella Pagina dei Lettori su La Libertà del 28 novembre

In questa pagina ospitiamo i contributi dei lettori, eventualmente ridotti a cura del direttore. La pubblicazione non significa condivisione, ma invito al confronto. Si dà la precedenza agli scritti inviati solo a La Libertà. Non saranno pubblicate lettere non firmate.

Recapiti per scriverci: via Vittorio Veneto 8/a – 42121 Reggio Emilia; fax 0522.434058; e-mail redazione@laliberta.info

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: ,