Parigi nel cuore: con la fermezza non venga a meno la speranza

Stampa articolo Stampa articolo

La notizia degli attentati di Parigi di venerdì ci colpisce profondamente perché ha portato nel cuore dell’Europa segni di guerra per seminare morte, distruzione e alimentare paure.

Come non dimenticare anche gli attentati che recentemente hanno insanguinato Ankara nel corso di una manifestazione contro la guerra e quello di Beirut di pochi giorni fa. Tante le guerre dimenticate che solo in poche occasioni tornano alla nostra attenzione. Ci troviamo di fronte a immagini che si sovrappongono a quelle del bimbo annegato raccolto sulle spiagge di Bodrum e a quelle delle tante spiagge del Mediterraneo, teatro in questi mesi di un esodo continuo da situazioni di guerra, di violenza e di miseria.

parigi1

Nonostante l’assurdità della guerra (mai interrotta in questi mesi in molte parti del mondo), i semi dell’intolleranza e della violenza fondamentalista continuano a trovare terreno fertile per attecchire. Ricordimo che Chahla Chafiq, scrittrice iraniana esiliata in Francia autrice de “Il nuovo uomo islamista, la prigione politica in Iran” è stata tra le firmatarie del manifesto “Insieme contro il nuovo totalitarismo”. A febbraio, in occasione della strage di Charlie Hebdo aveva scritto: «Dobbiamo ammettere che confrontandoci con l’offensiva dei movimenti di identità politico-religiose, molti di questi sono paralizzati da una confusione: tra il culturale e il confessionale, tra islamismo e Islam, tra democrazia e l’imperialismo. Queste confusioni, quali che siano le intenzioni che ne hanno dato origine, hanno rafforzato le posizioni dei sostenitori di una “guerra di civiltà”, che si crede superficialmente risolutiva.»

Per sfuggire a questo c’è solo un modo: demolire la fantasia di un “mondo musulmano” da una parte e  di “Occidente” dall’altrro e tornare alla realtà delle lotte sociali, culturali e politiche. Da quella posizione si può sollevare il problema di “religione e politica” in relazione agli ideali democratici.

“La democrazia fondata sul riconoscimento dell’autonomia degli individui, liberi e uguali, creatori e soggetti di leggi -dice l’autrice –  lungi dall’essere solo una questione elettorale, è un progetto politico il cui approfondimento significa libertà da ogni potere sacro intangibile. Ora, più che mai, la laicità rappresenta una prospettiva fondamentale nel promuovere i diritti umani e la libertà”. L’impegno di uomini e donne contro la violenza e contro le ideologie che sospingono a guerre e a crimini contro l’umanità può unire musulmani, cristiani, ebrei e le altre persone di buona volontà. Reagendo al dramma della guerra combattuta in nome del nazionalsocialismo, della supremazia razziale e sostenuta da una immagine di Dio e della religione, nel loro quarto volantino, i giovani della Weisse Rose (la Rosa Bianca) richiamavano la possibilità di alimentare ricerca di libertà, coraggio e soprattutto speranza.

attacco raqqa

«In ogni luogo e in ogni tempo di grandi travagli sono apparsi uomini, santi e profeti che avevano preservato la loro libertà e che hanno innalzato preghiere all’unico Dio e al suo santo aiuto affinché gli uomini ritornassero a Lui invertendo il loro cammino. L’uomo è libero, questo è certo, ma senza il vero Dio è senza difesa davanti al principio del male. E’ come una barca senza timone alla mercé della tempesta, come un bimbo senza madre, come una nube che si dissolve nell’aria. Domando a te che sei cristiano: lottando per la salvezza del tuo più grande tesoro, hai forse modo di esitare? di indugiare in intrighi, in calcoli, in procrastinazioni nella speranza che qualcun altro alzi il braccio in tua difesa? Non ti ha forse Dio dato la forza e la volontà per combattere?» (dal quarto volantino della Rosa Bianca).

E’ un invito a superare la paura con l’impegno sempre nuovo,con fermezza ma armati di speranza, accogliendo l’invito del Card. Martini, tratto da “Verso Gerusalemme” , «Noi ti promettiamo di non temere le difficoltà e i momenti oscuri e difficili, purché tutta l’umanità cammini nella pace e nella giustizia, così che si avveri pienamente la parola del profeta Isaia: “Ho visto le vostre vie e voglio sanarle […] Pace, pace ai lontani e ai vicini, dice il Signore, io guarirò tutti”.»

 

Luigi Bottazzi

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: ,