L’Oasi Celestina vuole diventare riserva naturale

Stampa articolo Stampa articolo

Dieci ettari di zona umide ricreate dall’uomo, dove nidificano cavalieri d’Italia, l’averla piccola e il tarabusino, e luogo di sosta per decine di specie migratrici tra cui i limicoli, mignattini e rapaci come nibbio bruno, falco di palude e sparviere, cui si aggiungono decine di altre specie animali e vegetali.

È l’Oasi Lipu Celestina di Campagnola Emilia, che potrebbe trasformarsi in Riserva naturale regionale secondo quanto auspicato dal documento di intenti firmato a Palazzo Allende dai presidenti della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, e dell’Ente gestione Parchi Emilia centrale, Giovanni Battista Pasini, dal sindaco di Campagnola Emilia Alessandro Santachiara e dal direttore generale Lipu-BirdLife Italia Camillo Danilo Selvaggi.

Il documento sottoscritto oggi è un passaggio fondamentale per avviare l’iter amministrativo che dovrebbe portare, in collaborazione con la Regione, all’istituzione della 16esima Riserva naturale dell’Emilia-Romagna, la quarta in provincia di Reggio Emilia dopo le Casse di espansione del Secchia tra Rubiera e Campogalliano, i Fontanili di Valle Re a Campegine e la Rupe di Campotrera a Canossa.
“Si tratta di una iniziativa di grande valenza ambientale, ma anche culturale perché una Riserva naturale rappresenta un messaggio e una opportunità per tutta la comunità ed in particolare le scuole – ha detto il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi – L’ambiente è sorta di mantra ma non sempre, purtroppo, c’è la necessaria consequenzialità nei comportamenti delle persone”.
“Per il nostro Comune e per me personalmente è un risultato particolarmente significativo: è un punto di arrivo, ma anche di ripartenza, raggiunto grazie al lavoro di tanti, compreso il nostro Ufficio Tecnico – ha dichiarato il sindaco di Campagnola Emilia Alessandro Santachiara – In soli dieci anni Celestina è diventata una vera e propria aula didattica all’aperto, intessendo un profondo legame con le istituzioni scolastiche, e oggi rappresenta un patrimonio collettivo prezioso”.
L’importanza naturalistica di Celestina è stata sottolineata dal direttore generale Lipu-BirdLife Italia Camillo Danilo Selvaggi: “Celestina è un’oasi piccola, ma molto rilevante per la conservazione della tutela e la tutela della biodiversità, rappresentando un punto di ristoro e rifugio importante per moltissimi animali – ben 150 le specie osservate – soprattutto in un territorio, come quello della Pianura padana, modellato anche in maniera importante dall’uomo – ha detto – Con lo strumento della Riserva si potrà conservare ancora meglio di quanto avviene già ora grazie allo splendido lavoro del guardia-oasi Luca Bagni”.
“Di vero e proprio gioiello, molto ben gestito e rinaturalizzato altrettanto bene” ha parlato anche il presidente dell’Ente gestione Parchi Emilia centrale, Giovanni Battista Pasini, sottolineando a sua volta “la grande valenza di quest’oasi e delle altre Riserve naturali anche per valorizzare uno dei territori più insediati a livello abitativo, infrastrutturale e industriale”.

gruppo

La storia dell’Oasi Celestina

Sul finire degli anni Novanta Maria Celestina Freddi, socia Lipu e appassionata di natura, dona un fondo agricolo di 10 ettari alla Lipu. Nel 2001 il fondo viene trasformato in una zona umida grazie alla collaborazione del Comune di Campagnola Emilia, dell’allora Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia-Secchia (oggi Consorzio di Bonifica Emilia centrale). Vengono scavati due invasi, che fungono anche da casse di espansione, collegati ai canali di bonifica del territorio circostante. Vengono in seguito installati il Centro visite e il capanno di osservazione. L’Oasi Celestina è inaugurata ufficialmente nella primavera del 2005 grazie alla collaborazione con Comune Campagnola Emilia e poi dal 2009 della Provincia Reggio Emilia. Dal 2012, l’Oasi è inserita nella rete Natura 2000 nel più esteso Sic-Zps IT 4030015 denominato “Valli di Novellara”
Tra gli animali, le presenze più rilevanti riguardano senz’altro gli uccelli. Tra i nidificanti troviamo il cavaliere d’Italia, l’averla piccola, la sterna comune, il tarabusino, la gallinella d’acqua, il germano reale e la passera mattugia.
E’ però nei periodi del passo migratorio che si possono vedere le specie più interessanti. Tra i limicoli, sono stati osservati, tra gli altri, chiurlo piccolo, chiurlo maggiore, gambecchio, piovanella pancianera. In primavera si possono vedere il fraticello e le tre specie di mignattini, il comune, il piombato e l’alibianche. Tra i rapaci, osservati il nibbio bruno, il falco di palude, l’albanella reale e minore.

(Per l’elenco completo delle specie e altre info: www.lipu.it/oasi-celestina).

oasi lipu

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , , ,