Expo: oltre il gigantismo l’evento mostra l’anima

Stampa articolo Stampa articolo

Considerazioni di due visitatori colpiti dal Padiglione della Santa Sede

Più passavano i mesi e più la curiosità aumentava: ma sarà vero di tutte quelle code? E ci sarà qualcosa da imparare o è tutto un luna park?
Ecco, al raggiungimento del traguardo dei 20 milioni di visitatori, anche noi varchiamo i cancelli dell’Esposizione Universale di Milano, il cui tema è “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.
La storia delle esposizioni universali parte nel 1851 quando l’Inghilterra organizza una grande Fiera per mostrare la propria grandezza nel campo delle realizzazioni tecniche. A partire da quell’anno si sono susseguite 34 Esposizioni Universali a intervalli di circa 5 anni.
Da notare che alla prima Expo mancava ovviamente l’Italia, ma erano presenti il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio; dunque anche la dibattuta presenza qui a Milano di un padiglione della Santa Sede rappresenta un evento assolutamente non nuovo nella lunga storia delle Expo. Infatti, nell’arco di quasi 170 anni, le Esposizioni Universali hanno sempre rappresentato per la Santa Sede un momento importante di confronto con i Paesi del mondo.

Continua a leggere l’articolo di Vittorio Severi e Emanuela Armani su La Libertà del 31 ottobre

Scopri le nostre offerte di abbonamento per tutto il 2016

Padiglione-Zero-Expo-Milano-2015

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura Taggato con: , ,