Antonella De Miro cittadina onoraria di Reggio

Stampa articolo Stampa articolo

Il Consiglio comunale di Reggio Emilia ha deliberato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria al prefetto Antonella De Miro, per l’impegno a favore della legalità e contro le mafie dimostrato negli anni di servizio a Reggio Emilia, dal settembre 2009 al settembre 2014. Con questa decisione, in particolare, la Città di Reggio Emilia ha voluto esprimere  una piena riconoscenza al prefetto per l’incisiva azione istituzionale che, durante il mandato, l’ha portata a diventare autorevole punto di riferimento istituzionale contro le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto economico locale.

In un momento in cui la distanza tra i cittadini e le Istituzioni si fa sempre più alta – si legge nelle motivazioni – il prefetto De Miro ha saputo interpretare il proprio ruolo in modo attivo e aperto, creando fortissime sinergie e solide relazioni con il territorio, i cittadini e le Istituzioni. In questo ambito si è distinta, con le proprie azioni, nella prevenzione e nell’assiduo contrasto alle infiltrazioni mafiose, divenendo per tutta la collettività, un esempio”.

antonella de miro

Antonella De Miro

 

Durante la sua permanenza a Reggio, infatti, il prefetto De Miro si è distinta per “l’assidua e puntuale lotta” alle infiltrazioni della criminalità organizzata nel territorio, in particolare negli appalti di forniture e servizi, instaurando sinergie e intese con gli enti locali che hanno poi permesso di mettere a punto nuove strategie di lotta.

L’azione del prefetto ha inoltre permesso la stipula di 36 protocolli di legalità volti ad estendere i controlli sugli appalti e subappalti sotto soglia nonché su tutte le attività di filiera, arrivando ad emettere numerose interdittive antimafia. L’azione del prefetto è stata inoltre fondamentale nel quadro di importanti indagini tuttora in corso sul territorio reggiano, che hanno anche portato all’arresto di personaggi e imprenditori legati alla criminalità organizzata.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: , ,