“Andar per geositi”: alla scoperta dei paesaggi geologici reggiani

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 25 ottobre, alle ore 16, nel Palazzo dei Musei di Reggio Emilia (via Spallanzani 1), Silvia Chicchi propone l’incontro ‘Andar per geositi. Alla scoperta dei paesaggi geologici del territorio reggiano‘. L’iniziativa, che rientra nel calendario nazionale dei ‘geoeventi’ in programma nel corso della terza Settimana del Pianeta Terra, si svolge nell’ambito del ciclo ‘Il tè delle muse’.

Torricella2

Ci sono luoghi, chiamati appunto ‘geositi’, dove il paesaggio è connotato in modo forte dall’aspetto geologico e geomorfologico e le forme scolpite e modellate dalla natura raccontano storie di un passato lontano. Luoghi che possono essere considerati patrimonio naturale, paesaggistico e scientifico del territorio. La provincia di Reggio Emilia è ricca di tali ‘emergenze’ geologiche, dalla Pietra di Bismantova alle pareti dei Gessi triassici dell’alta val Secchia, dai calanchi pliocenici di San Valentino alle rupi ofiolitiche di Rossena e Campotrera, dagli Schiocchi dell’Ozola alle ripide stratificazioni di Torre dell’Amorotto.

Silvia Chicchi propone una carrellata di questi e altri significativi geositi reggiani, spiegandone le caratteristiche, la storia, l’importanza scientifica, per dare agli escursionisti e ai curiosi della natura una chiave di lettura geologica del territorio che si estende dal crinale appenninico al Po.

L’iniziativa è a ingresso gratuito e senza obbligo di prenotazione. 

Info:

0522 456477 Musei civici – uffici, via Palazzolo, 2

0522 456816 Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1

musei@municipio.re.it

Pubblicato in Archivio Taggato con: , ,