“W l’amore”, un progetto educativo?

Stampa articolo Stampa articolo

Il Forum delle Associazioni Familiari dell’Emilia-Romagna, in accordo con le Associazioni di genitori facenti capo al For.A.G.S., ha accettato di partecipare a un tavolo di lavoro, promosso dall’Assessorato alla Sanità regionale, finalizzato alla revisione del progetto “W L’AMORE” prima della sua nuova presentazione nelle scuole del territorio.

Ad un primo incontro, che si è svolto il 27 luglio, ha partecipato anche l’Assessore Venturi, sottolineando alla fine l’importanza prioritaria del “consenso informato dei genitori”, così come richiesto in quella sede dal presidente del Forum. In un secondo incontro, che ha avuto luogo il 22 settembre, i rappresentanti del Forum e di alcune delle associazioni di genitori hanno anticipato le proprie riserve sia sui contenuti – ritenuti in molti tratti poco “educativi” per un’utenza di giovani (scuola media) ancora in età preadolescenziale – che sulle modalità procedurali seguite nel proporre il progetto alle scuole, sottolineando l’inaccettabilità di un progetto solo “sanitario”, che si vuole portare nelle scuole senza coinvolgere in precedenza né l’Assessorato all’Istruzione né l’Ufficio Scolastico Regionale.

Sempre a proposito dei contenuti, è stata evidenziata un’impostazione fortemente connotata da premesse ideologiche, che tendono a banalizzare la conoscenza del proprio corpo ed i rapporti sessuali, slegandoli da una valorizzazione dell’affettività e delle relazioni tra ragazzi e ragazze, facendo poi passare come normalità il ricorso alle pratiche anticoncezionali, senza neppure analizzarne i rischi connessi e le conseguenze abortive. Un nuovo appuntamento è stato fissato per il 4 novembre e prima di tale data Forum e Associazioni di genitori concorderanno un proprio documento, con osservazioni puntuali sulle varie parti del progetto. Indipendentemente dalle sorti future di questo tavolo di lavoro, il Forum ritiene comunque preferibile che siano portati avanti nelle scuole, con il supporto dell’Amministrazione regionale e dell’USR, diversi progetti di educazione all’affettività, tra i quali i Consigli di Istituto possano liberamente scegliere, senza il legame condizionante di fattori economici, ma esclusivamente in base a giudizi di effettiva qualità “educativa”.

w-l-amore

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , ,