Un nuovo concerto della rassegna Soli Deo Gloria

Stampa articolo Stampa articolo

Nuovo concerto della rassegna Soli Deo Gloria, domenica 20 settembre ore 18 presso la chiesa di San Francesco da Paola in via Emilia all’Ospizio, 62 a Reggio Emilia.

Ad esibirsi è Katharina Schröder organo sulle musiche di Philip Lionel Corner, Johann Sebastian Bach, Johann Ulrich Steigleder.

Programma di sala

IMG_0178-KopieKatharina Schröder, 28 anni, è nata a Freiberg (Sassonia/Germania) e lavora come musicista da chiesa alla Nikolaikirche a Lübbenau (Spreewald, Germania).
Nel 2011 si è diplomata in musica sacra all’Università della Musica e teatro “Felix Mendelssohn-Bartholdy” sotto la guida di Ullrich Böhme (Thomaskantor) e di Holger Gehring.
Attualmente sta frequentando i master di specializzazione in Organo all’Università Tecnica di Lulea/Dipartimento d’Arte, e Comunicazione e Didattica a Pitea (Svezia), sotto la guida di Hans-Ola Ericsson. Ha già al suo attivo un’intensa attività concertistica non solo in Germania ma in tutta Europa, proponendo in particolare le opere di J. S. Bach, e di F. Mendelssohn-Bartholdy e al repertorio di Benjamin Britten, Zoltan Kodaly e compositori contemporanei
Dalla sua tesi sulla musica contemporanea “La Coerenza delle Arti e Musica di Oggi” è nata la collaborazione con il compositore e artista visivo statunitense Philip Corner, il quale attualmente risiede in Italia. È di prossima uscita la pubblicazione di un saggio sulle composizioni di Philip Corner in “partitura grafica e verbale” per organo, in particolare High Contrast del 1963.

Philip Lionel Corner (New York, 10 aprile 1933) è un compositore, pianista improvvisatore, teorico musicale, disegnatore di partiture, artista unnamedvisivo e calligrafo statunitense.

Oltre al pianoforte, suona diversi strumenti musicali, tra cui il trombone e il corno alpino. Dopo aver studiato presso la High School of Music & Art di New York, Philip Corner ha conseguito il bachelor (1955) al City College di New York, dove il suo insegnante più importante fu Fritz Jahoda, e un master (1959) presso la Columbia University, dove i suoi insegnanti di composizione sono stati Otto Luening e Henry Cowell; i due anni intermedi (1955-1957) sono stati spesi a Parigi, al Conservatoire de Musique National, seguendo il corso di “Philosophie Musicale” di Olivier Messiaen.
Ha ripreso i suoi studi di pianoforte con Dorothy Taubman, che avrebbe avuto un ruolo significativo nella produzione musicale. Ha insegnato Musica Moderna presso la New School for Social Research tra il 1967 e il 1970, ereditando la cattedra fondata da John Cage. La sua carriera di insegnante è iniziata nella scuola di New York City High ed è proseguita alla New Lincoln School, dove ha contribuito allo sviluppo del dipartimento di musica e ha introdotto corsi innovativi (1966-1972). In aggiunta al suo lavoro come compositore e musicista, ha creato numerosi assemblaggi, calligrammi, collage, disegni e dipinti, molti dei quali sono stati esposti a livello internazionale. Ha anche scritto molta poesia, che, come una parte della sua musica, è a volte comparsa sotto lo pseudonimo coreano di Gwan Pok, che significa “Contemplazione di una Cascata”. Le opere sono regolarmente esposte in gallerie d’arte, principalmente in Europa, e sono in collezioni museali di rilievo, fra le quali i Musei Civici di Reggio Emilia.

 

Pubblicato in Articoli Taggato con: