Giovani e lavoro, convegno della Cei Emilia Romagna

Stampa articolo Stampa articolo

Il convegno promosso dalla Conferenza Episcopale Emilia Romagna su “Giovani e lavoro” presso il Cinema Galliera a Bologna nel pomeriggio di lunedì 21 settembre si propone di mettere a confronto le esperienze di accompagnamento dei giovani al lavoro presenti sul territorio regionale e di offrire un terreno di incontro e collaborazione con la società civile e le autorità politiche.

Volantino-Convegno-Giovani-e-Lavoro-21-09-15-1

Volantino

Alla relazione del vescovo di Faenza, delegato della Conferenza Episcopale Emilia Romagna per il lavoro, monsignor Mario Toso, seguiranno brevi presentazioni di esperienze formative e una tavola rotonda alla quale parteciperanno il ministro Giuliano Poletti, il presidente di Confindustria Emilia Romagna Maurizio Marchesini e il presidente della Giunta Regionale Stefano Bonaccini, moderati dal giornalista Giorgio Tonelli.

Concluderà il convegno monsignor Tommaso Ghirelli, vescovo di Imola. L’occasione è quella del secondo centenario della nascita di san Giovanni Bosco, il patrono della gioventù: egli fu molto attivo nella nostra Regione, favorendo anche il sorgere di opere educative affini alla sua.

Si può dire che non c’è diocesi in cui non ci siano stati preti, istituti religiosi femminili e maschili, associazioni di lavoratori cristiani che non si siano occupati di educare i giovani “del popolo” mettendo loro in mano un mestiere. Nel contesto attuale, certamente assai diverso, si nota una ripresa di iniziative aventi lo stesso scopo: segno che il bisogno di formare al lavoro e attraverso il lavoro è avvertito e che l’azione degli enti pubblici è piuttosto sussidiaria che perfettiva di quella della società civile. Ovviamente, gli scogli da superare sono molti, le disponibilità finanziarie sono diminuite, i condizionamenti ideologici più pesanti di quanto non si voglia ammettere. Ma la creatività non manca, espressa in particolare dai giovani stessi che, nel Progetto Policoro, si fanno tutor dei loro coetanei per accompagnarli nel mondo del lavoro. Anche tra gli enti di formazione professionale – che in Emilia Romagna sono per più della metà di ispirazione cristiana – ci sono le risorse culturali necessarie per un continuo rilancio. Lo si vedrà nelle “fiere” dell’occupazione giovanile che, a partire dal convegno del 21 settembre, verranno organizzate in varie città.

La prima sarà a Bologna, in Piazza Maggiore, il 4 ottobre, giorno del patrono san Petronio.

Scarica il programma: Convegno Giovani e Lavoro 

Pubblicato in Archivio Taggato con: , ,