L’estrazione del metano e i due volti di una notizia

Stampa articolo Stampa articolo

Seduto a un tavolino del bistrot Ramet mi godo la bella luce del mattino che disegna davanti a me la severa linea delle montagne. Sono a Challand Saint Victor, Valle d’Aosta per la cronaca, in vacanza; ho appena finito di leggere i giornali ed invece di far correre lo sguardo su per i sentieri, fino alle vette che ho salito o a quelle che ancora mi aspettano, il mio pensiero svicola continuamente ad un articolo apparso su La Stampa di Torino: ci sono delle cose che non mi quadrano. Sono indeciso, non so se continuare a godermi il sole, riposando sguardo e mente appoggiandoli alle montagne, o mettermi seduto davanti a un foglio di carta per scrivere quello che mi passa per la testa. Vince la seconda ed allora procediamo con ordine.
Il pezzo è di mercoledì 5 agosto ed occupa interamente le pagine 12 e 13, senza che un briciolo di pubblicità lo interrompa: chi mastica un po’ di giornalismo sa che cosa significhi. Titolo «Nei campi della Pennsylvania dove i contadini diventano ‘manager di metano’». La firma è di Francesco Guerrera, nato a Milano e cresciuto a Roma; si è laureato a Londra ed è da sempre impegnato nel settore del giornalismo finanziario, attualmente è caporedattore di finanza e mercati al Wall Street Journal… va bene abbiamo capito, è una persona che si occupa della borsa eccetera.

Leggi l’articolo integrale di Giuseppe Maria Codazzi su La Libertà del 5 settembre

fracking

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura Taggato con: , ,