La mostra “work in progress” di Angelo Davoli

Stampa articolo Stampa articolo

Inaugurerà domenica 6 settembre alle ore 21,30 la mostra “Angelo Davoli work in progress”, ospitata nel restaurato Palazzo da Mosto, sede della Fondazione Manodori.

“Obiettivo della mostra è rendere omaggio alla memoria e all’arte di Angelo Davoli ad un anno esatto dalla sua prematura scomparsa – spiega Cristina Bolognesi, moglie e assistente ed attuale presidente dell’Archivio dedicato all’artista reggiano – La mostra, che si snoda lungo 20 sale, raccoglie parte del suo percorso artistico costituito da dipinti, bozzetti, sculture, foto, video, scenografie, scritti. Le opere resteranno esposte fino al 4 ottobre, provengono da collezionisti di tutta Italia, e raccontano, senza fili logici di spazio e tempo, la poetica di Angelo Davoli che si è espressa attraverso diversi linguaggi, dalla pittura ad olio alle videoinstallazioni, evolvendo e trasformandosi di giorno in giorno. Ogni sala sarà corredata dai testi di alcune personalità che hanno conosciuto e apprezzato il suo lavoro da Fabio Fazio ad Alessandro Bergonzoni, passando per esponenti della critica e del giornalismo del mondo artistico e culturale”.

L’evento di apertura si chiuderà con la performance di Valerio Longo, danzatore di Aterballetto e coreografo, che segnerà il confine tra la vita terrena dell’artista e la sua nuova nascita verso l’eternità (Davoli è scomparso proprio il 6 settembre di un anno fa a soli 54 anni), e il suo compleanno il 7 settembre del 1960. La serata inaugurale è a invito riservato.

Apertura al pubblico: da lunedì 7 settembre a domenica 4 ottobre 2015.

Orari: da lunedì a giovedì dalle ore 10 alle ore 21;

venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 23.

Su appuntamento: Archivio Angelo Davoli tel. 335/6928630 – 338/8546158

mail: info@angelodavoliworkinprogress.com

 Ingresso: 5 euro.

Maggiori informazioni: sito web www.angelodavoliworkinprogress.it  Facebook Angelo Davoli work in progress

FOTO-ANGELO-DAVOLI-orizzontale

Angelo Davoli

 

BIOGRAFIA DELL’ARTISTA

ANGELO DAVOLI (Reggio Emilia 7 settembre 1960 – 6 settembre 2014)

Mostre:

2001 – Industrial Landscapes, Musei di Reggio Emilia;

2002 – galleria Hof&Huyser di Amsterdam ed Annovi di Sassuolo a cura di A. Riva; Surrealismo Padano, Palazzo Gotico di Piacenza  e Museo Rivoltella di Trieste a cura di Vittorio Sgarbi.

2004 – Sky-line, S. Mattia, Bologna a cura di M. Paderni; Quadriennale di Roma, sezione a cura di B. Buscaroli; vince il 55° Premio Michetti.

2007 le collettive a cura di Sgarbi a Milano al PAC e La pittura degli ultimi 40 anni a Palazzo Reale.

– Davoli ha curato le scenografie per Aterballetto: nel 2007 per InCanto e nel 2009 scene e video per Certe Notti, coreografie di Mauro Bigonzetti e musiche di Luciano Ligabue.

2009 alla First Gallery di Roma con Cantiere Morini work in progress che porterà nel 2010 a Palazzo Casotti Reggio Emilia, testo di Marc Augè ed alla galleria Dieffe di Torino.

2011 partecipa alla 54° Biennale di Venezia nel Padiglione Italia all’Arsenale; è nel cast del film di Elisabetta Sgarbi in concorso alla 68° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia sul tema delle avanguardie artistiche.

2012 collettiva Altrove alla Catania Art Gallery a cura di Beatrice Buscaroli.

2013 collettiva Rewind 1.0 alla galleria Dieffe di Torino.

opera-davoli

Un’opera di Angelo Davoli

 

Pubblicato in Archivio Taggato con: , ,