Trofeo Masini: il calcio del futuro a Pieve di Guastalla

Stampa articolo Stampa articolo

Torna il “grande calcio” presso i campi dell’oratorio di Pieve di Guastalla: domenica 6 settembre si disputa il 12° Memorial Gino Masini, storico fondatore della scuola calcio U.S. Saturno a Guastalla. Quest’anno il torneo è riservato alla categoria Esordienti 2003 – 2004. Ad aggiudicarsi il trofeo proveranno le squadre di F.C. Bologna, Imolese Calcio, F.C. Carpi, il neo Parma Calcio 1913 e la società di casa U.S. Saturno.

La presenza di squadre così importanti certifica l’ottimo lavoro svolto dalla società sportiva saturniana che sempre di più guarda al calcio d’elite. Il torneo Masini sarà anche l’occasione per 12-MASINIpresentare alle famiglie e a tutti gli sportivi interessati i nuovi impianti recentemente realizzati. Non ultimo e meno importante è l’omologazione del campo centrale per tutti i campionati di categoria sino alla serie D.

L’anno calcistico sta per prendere il via per tutte le categorie giovanili: dai piccoli amici di 6 anni sino alla prima squadra che milita in Seconda Categoria.

Il mese di settembre prevede anche un altro importantissimo appuntamento per tutta la scuola calcio: sabato 19 settembre è previsto un pomeriggio di allenamenti e giochi organizzati in collaborazione con l’F.C. Carpi. Tra la neo promossa in serie A e la Saturno sta nascendo un vero e proprio sodalizio fatto di interscambi non solo di giocatori ma anche di collaborazioni.

L’oratorio di Pieve si sta così trasformando in un vero e proprio centro sportivo: tre campi a sette, un campo da allenamento a undici, il campo da gara per i campionati federali. Tutti dotati di illuminazione: questa è la casa della Saturno Calcio. Oratorio e calcio, un mix vincente in cui alle nozioni prettamente sportive si affianca la trasmissione di quei valori inderogabili che forgiano il carattere di tutti quei ragazzi che un domani diventeranno uomini, cittadini e padri.

Del resto questo era il messaggio del compianto Gino Masini: il calcio come viatico per diventare uomini. Agli albori della Saturno, negli anni 40, calcio ed oratorio erano il rifugio per tutti quei ragazzi stremati da un conflitto mondiale appena concluso e divenuti campioni d’Italia dilettanti nel 1949. Oggi calcio e oratorio si presentano come l’occasione di crescita sia umana che sportiva, ultimo baluardo di quei principi che i ragazzi campioni d’Italia hanno lasciato in eredità a tutti i dirigenti e allenatori della società sportiva di oggi. Del resto si sa, è dagli oratori che arrivano i più grandi talenti…

esordienti 2003

 

Pubblicato in Archivio Taggato con: , ,