Erasmus + per 436 studenti reggiani all’estero

Stampa articolo Stampa articolo

Altri 436 studenti (318 delle quarte superiori e 118 neodiplomati) potranno svolgere importanti esperienze formative all’estero – da 1 a 3 mesi, unendo corsi di lingua a tirocini in azienda – grazie alla Provincia di Reggio Emilia. Grazie all’Ufficio Politiche comunitarie e al suo lavoro di coordinamento sono stati infatti approvati nell’ambito del Programma Erasmus+ (Bando 2014) ben 4 progetti, per un importo complessivo di contributi pari a  circa 1 milione e mezzo di euro, presentati insieme a tutti gli istituti tecnici e professionali reggiani, agli enti di formazione Centro Studio e Lavoro “La Cremeria” e Fondazione Enaip, alla Fondazione Its Maker,  al Comune di Correggio e all’Itis Galileo Galilei di Arezzo.

“Da tempo la Provincia di Reggio Emilia si caratterizza per i buoni risultati raggiunti nei progetti di mobilità giovanile, ma quest’anno l’esito delle valutazioni premia in maniera davvero molto chiara la capacità di fare rete che caratterizza la nostra terra. Reggio Emilia è infatti la realtà che più di tutte a livello nazionale è stata capace di raccogliere finanziamenti per i nostri ragazzi – commenta la vicepresidente della Provincia, Ilenia Malavasi – Tutto ciò è merito del grande lavoro di progettazione svolto dai nostri uffici e della preziosa collaborazione con tutte le scuole superiori della provincia, cui si aggiungono i tanti partenariati locali, dalle imprese alle associazioni di categoria”.
erasmus

Nel dettaglio, l’Istituto Sacruffi – Levi – Tricolore è capofila di un progetto sullo sviluppo competitivo e sull’internazionalizzazione delle imprese, mentre l’ITIS Galileo Galilei di Arezzo ha presentato un progetto sulla formazione in ambito meccanico e meccatronico; entrambi questi progetti verranno realizzati in collaborazione con Unindustria Reggio Emilia. Il Comune di Correggio è invece capofila di un progetto  focalizzato sulla formazione di profili altamente specializzati in ambito agricolo e agroalimentare. La Provincia di Reggio Emilia, infine, oltre ad aver coordinato la stesura delle quattro proposte progettuali, è capofila di un progetto che coinvolge tutti gli altri istituti tecnici e professionali reggiani, al fine di fornire le medesime opportunità di mobilità e di crescita agli studenti, a prescindere dall’indirizzo formativo scelto.
“Queste risorse saranno interamente dedicate ai giovani, che avranno ottime opportunità formative, professionali e di crescita personale: valorizzare le loro capacità, investire e scommettere su di loro è il miglior modo per renderli veramente protagonisti della ripresa economica e sociale del nostro territorio”, aggiunge la vicepresidente Ilenia Malavasi, mentre il presidente Giammaria Manghi sottolinea come “questo ottimo risultato arrivi proprio in concomitanza con l’avvio di una importante esperienza di collaborazione proprio sui progetti europei, l’agenzia di progettazione internazionale “Fondazione E35” creata nelle scorse settimane insieme a Comune di Reggio Emilia, Camera di commercio e Fondazione Manodori, coinvolgendo anche Crpa, Legacoop Emilia Ovest, Unindustria e Forum del Terzo Settore”.
“Credo che la Provincia di Reggio Emilia, che farà confluire all’interno dell’agenzia stessa la propria esperienza di progettazione europea, si presenti con una “dote” davvero ragguardevole che non potrà che essere di buon auspicio per la Fondazione E35”, conclude Manghi ricordando come, dal 2007 al 2014, la Provincia abbia coinvolto in esperienze all’estero ben 725 diplomati e laureati dell’Emilia-Romagna, oltre 400 dei quali reggiani.

erasmus1jpg

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura Taggato con: ,