Meloni e cocomeri all’ Accademia della Cucina

Stampa articolo Stampa articolo

“Quest’anno avremo una produzione di meloni e cocomeri eccezionali, grazie all’ondata di caldo prolungato e all’alto contenuto di potassio che caratterizza i terreni della nostra provincia trasmettendo ai prodotti un contenuto zuccherino superiore alla media”.

Queste le previsioni di Ivan Bartoli, noto coltivatore di angurie di Novellara, e di Marco Torello Guarienti, titolare dell’Azienda agricola La Paladina produttrice di meloni a Gualtieri, annunciate nel corso dell’incontro che si è tenuto al ristorante correggese “Come una volta”, organizzato dall’Accademia Italiana della Cucina di Carpi Correggio, in collaborazione con Confagricoltura Reggio Emilia.

Marco-Torello-Guarienti-Pier-Paolo-Veroni-Ivan-Bartoli

Marco Torello Guarienti, Pier Paolo Veroni e Ivan Bartoli

 

Tra i presenti, oltre alla platea di accademici, guidati dal Delegato e Coordinatore territoriale per l’Emilia, professor Pier Paolo Veroni, a Eugenio Menozzi, vice delegato dell’Accademia di Reggio Emilia, e alla dottoressa Benedetta Angeli, Delegato Terre Modenesi dell’Accademia Italiana della Cucina, erano presenti anche gli imprenditori Giovanni Lombardini e Alessandro Cabassi, il presidente e il direttore di Confagricoltura Reggio Emilia Marcello Bonvicini e Roberto Iotti, il presidente della Cantina sociale di San Martino in Rio Roberto Baccarani, e Moreno Leoni, direttore Operations di “Emilia Wine”, il nuovo polo del vino reggiano che associa oltre 700 produttori e concentra un terzo di tutta la produzione vitivinicola di Reggio Emilia.

Nel corso dell’incontro, che si inserisce nelle celebrazioni e manifestazioni dedicate a Expo organizzate dagli accademici, i relatori hanno spiegato le varie fasi di produzione di meloni e cocomeri a cui è stato riconosciuto il marchio di qualità doc, dalla preparazione dei terreni fino alla raccolta e alla commercializzazione dei prodotti, illustrando il valore di una filiera che si inserisce a pieno titolo tra le eccellenze dell’agroalimentare reggiano e italiano.

9-Veroni-premia-la-titolare-la-cuoca-del-Ristorante-Come-Una-Volta-di-Correggio

Veroni premia la titolare e la cuoca del Ristorante Come Una Voltadi Correggio

 

“La salvaguardia delle tradizioni della cucina e della filiera agroalimentare italiana – ha sottolineato il professor Veroni – è lo scopo dell’Accademia Italiana della Cucina che dal 1953, data della sua fondazione, si autofinanzia per difendere, valorizzare e promuovere i prodotti, le tradizioni culinarie italiane e la convivialità, quale cardine del vivere civile”.

A conclusione dell’incontro il simposiarca Gianluca Casarelli ha quindi introdotto la degustazione di meloni e cocomeri che in queste calde giornate agostane rappresentano un ottimo alimento dissetante e rinfrescante.

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , , ,