Festa della Beata Vergine della Neve

Stampa articolo Stampa articolo

La memoria della dedicazione della Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, è divenuta popolarmente per tutta la Chiesa la festa della Beata Vergine della Neve. Con questo titolo, Maria è patrona di Gualtieri, Tagliata di Guastalla e Castellazzo, ed è venerata in altre parrocchie (Caprile di Ligonchio, Sant’Antonino, Vezzano…) come in diverse borgate della nostra montagna: Braglia di Carù, Cà Ferrari, Castagneto, Cavola, Cerreto Lago, Crògnolo, Temporia, Terrasanta, Valbona…

Tre Santuari festeggiano come titolare la Madonna della Neve: Fellegara (Scandiano), Madonna di Campiano (Castellarano) e Pietravolta (nella parrocchia di Fontanaluccia e sede della Casa di preghiera delle Carmelitane minori della Carità). A Pietravolta, quest’anno, la Messa delle 11 con la processione sarà presieduta dal vescovo emerito Adriano, che in questi giorni sta predicando gli Esercizi ai consacrati nel mondo o secolari della Congregazione Mariana delle Case della Carità.

Alla Madonna della Neve, è intitolata anche la prima unità pastorale nella nostra Diocesi, formatasi negli anni Novanta, che con le sei parrocchie — Castellazzo, Masone, Marmirolo, Roncadella, Gavasseto e Sabbione — e con un solo parroco, ha anticipato di vent’anni gli orientamenti pastorali che si stanno attuando in questi tempi su tutto il territorio.

Pietravolta_ok2

Santuario di Pietravolta

 

Pubblicato in Archivio Taggato con: , ,