La Pieve di Minozzo riscopre i suoi tesori

Stampa articolo Stampa articolo

“Il patrimonio artistico e culturale della Pieve di Minozzo e delle Chiese del Minozzese” è il tema della conferenza che si terrà domenica 2 agosto a cura di monsignor Tiziano Ghirelli, responsabile dei beni culturali della Diocesi di Reggio e Guastalla. L’appuntamento è per le 15 a Minozzo (antica sede comunale, a circa tre chilometri dall’attuale capoluogo), nel salone della casa vacanze parrocchiale.

Pieve-di-Minozzoi

Pieve di Minozzo (foto di Daniele Ferrari)

 

Il programma prevede anche i saluti del sindaco Luigi Fiocchi e l’intervento dell’architetto Giuliano Cervi (che è fra l’altro direttore delle opere di restauro della locale rocca, simbolo dell’intero territorio villaminozzese), con il coordinamento di Elio Ivo Sassi.

“La pieve di Minozzo, che nel 2012 ha compiuto quattrocento anni –  spiega il primo cittadino – è considerata uno dei luoghi di culto di maggior pregio del nostro Appennino. Nel 1612 sostituì un precedente edificio sacro, che era già il punto di riferimento per una ventina di chiese minori. Le dimensioni, l’impianto architettonico e la ricchezza degli affreschi confermano il valore storico, culturale e religioso di questo monumento”.

Il Comune ha patrocinato l’importante iniziativa, che è stata organizzata dall’Unità pastorale di Villa Minozzo, dalla Diocesi e dal proprio Ufficio beni culturali, nonché dal Museo diocesano, con la collaborazione dell’associazione Amici della rocca, della Pro loco di Minozzo e della Croce verde.

Pieve-di-Minozzo-3---foto-Daniele-Ferrari

foto di Daniele Ferrari

 

La conferenza domenicale sarà preceduta, in mattinata, sempre nel paese di Minozzo, da una celebrazione in cui “ricorderemo le moltissime vittime, civili e soldati – sottolinea Luigi Fiocchi – che sono state piante a seguito della tragedia della seconda guerra mondiale. Un tributo di sangue per il quale la nostra comunità è stata fregiata della medaglia d’argento al valor militare”.

Il calendario della manifestazione, che è indetta dal Comune in collaborazione con le associazioni partigiane Alpi Apc ed Anpi e con Istoreco (Istituto per la storia della resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia), prevede la messa alle 11 nell’antica pieve, cui seguiranno l’omaggio ai caduti con visita al monumento, il saluto del sindaco e l’orazione ufficiale tenuta da Emanuela Caselli, presidente del consiglio comunale di Reggio Emilia.

Pubblicato in Archivio Taggato con: ,