Il vescovo Paolo sacerdote da 70 anni

Stampa articolo Stampa articolo

Mercoledì 12 agosto il vescovo Giovanni Paolo Gibertini ricorderà il settantesimo di sacerdozio. Ricevette infatti l’ordinazione presbiterale il 12 agosto 1945 nell’abbazia benedettina di Torrechiara assieme al fratello padre Stanislao, dall’arcivescovo di Parma monsignor Evasio Colli.
Nato a Ciano d’Enza il 4 maggio 1922 e battezzato con il nome di Giovanni, monsignor Gibertini nel 1935 è entrato nell’Ordine dei Benedettini del monastero di San Giovanni di Parma. Nel 1938 intraprendeva il noviziato assumendo il nome di Paolo; l’anno seguente emetteva la professione religiosa.
Dal 1947 al 1955 ha ricoperto l’incarico di superiore del seminario minore del monastero benedettino di Parma.

La Sardegna per un trentennio è stata poi il campo dell’azione pastorale di monsignor Gibertini. Infatti nel 1955 veniva inviato nell’isola assieme a sei confratelli per la fondazione del monastero di San Pietro di Sorres, diocesi di Sassari; dal 1955 al 1967 ne è stato superiore e dal 1967 al 1973 priore. Trascorso un anno nell’eremo di Bismantova, nel 1974 ha fatto ritorno in Sardegna e ha svolto il suo ministero nella parrocchia di Borutta (Sassari) e dal 1977 al 1979 ne è stato parroco.

Leggi l’articolo integrale di Giuseppe Adriano Rossi su La Libertà del 1° agosto

mons.Paolo-Gibertini

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana Taggato con: , , ,