Ritorna la festa “L’Appennino nel cuore”

Stampa articolo Stampa articolo

Sesto anno consecutivo per “L’Appennino nel cuore”, la Festa del Ritorno realizzata dall’Unione dei Comuni dell’Alto Appennino Reggiano in collaborazione con il Progetto “Parco nel Mondo” del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano che quest’anno si rinnova e si sposta al Passo di Pradarena, nel Comune di Ligonchio. Un momento importante, dedicato a tutti coloro che sono originari o che hanno messo radici nel territorio dell’Alto Appennino reggiano per ascoltare, scambiare esperienze ed impressioni e rafforzare quel legame che esiste tra i nostri luoghi e le persone.
Una giornata ricca di iniziative, a partire dalla presenza di un mercatino, attivo per tutta la giornata, di eccellenze enogastronomiche delle quattro zone del Parco e artigianato artistico locale. Nel pomeriggio, alle ore 14:30 nel piazzale del ristorante Carpe Diem sarà il momento della presentazione del volume della Collana Editoriale della Banca dell’Identità e della Memoria della Garfagnana dell’Unione Comuni Garfagnana “PIETRO DA TALADA Un pittore del 400 tra l’Appennino Reggiano e le Apuane” alla presenza del Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana, Paolo Fantoni, e della curatrice del volume Clementina Santi. Un progetto, prima di ricerca e poi di valorizzazione, voluto fortemente oltre che dal Parco Nazionale, anche dall’Unione parconelmondoComuni dell’Alto Reggiano e dai Comuni di Piazza al Serchio e Busana, che l’Unione Comuni Garfagnana ha coordinato per far conoscere l’opera di Pietro da Talada, conosciuto meglio come il Maestro di Borsigliana, un pittore attivo nella seconda metà del 1400 tra la Garfagnana, L’Emilia e la Versilia.

Non potrebbe esserci forse un luogo più vocato del Passo di Pradarena per la sua presentazione ufficiale, in quanto il volume descrive si l’opera dell’artista ma fa anche conoscere e mette in luce tutti i luoghi in cui il Maestro ha lasciato le sue opere, dal paese emiliano di origine attraversando proprio l’Appennino Tosco Emiliano fino a toccare vari luoghi dell’alta Toscana interessati dalla sua presenza; coniuga l’approfondimento dell’aspetto artistico e culturale con un’idea di sviluppo turistico, promuovendo itinerari culturali tra i due versanti dell’Appennino in un progetto che vede il crinale un punto di unione e congiunzione tra gente e culture.
A partire dalle ore 15:30 verranno consegnati dal Presidente Giovanelli e dai Sindaci dei Comuni di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto nuove “Cittadinanze Affettive”. Gli attestati vogliono essere un riconoscimento simbolico sia per chi non ha mai perso il sentimento di appartenenza alla comunità d’origine e per le attività che spesso queste persone portano avanti nei borghi del nostro Appennino nei periodi in cui sono presenti sia per chi ha sviluppato un sentimento di appartenenza al territorio diventando veri e propri punti di riferimento locali. Sarà anche un appuntamento di festa per chi cittadino affettivo lo è già, che spesso fa ritorno nei mesi estivi e nei periodi di ferie, costituendo la base per quel particolare tipo di turismo che caratterizza l’area dell’Appennino, un turismo legato ad un ormai consolidato rapporto affettivo con i luoghi delle radici familiari.
Dalle ore 17.00 in poi il Maestro Paolo Gandolfi accompagnerà con le sue musiche le letture di Giorgio Riccardo Galassi, tratte da “Appunti da un viaggio immaginario”.

Ingresso libero, info: www.parconelmondo.it

Pubblicato in Archivio Taggato con: ,