Commemorazione dei Martiri del 7 luglio

Stampa articolo Stampa articolo

Martedì 7 luglio Reggio Emilia ricorda – nel 55esimo anniversario del loro sacrificio per la libertà e la democrazia – i Martiri del 7 luglio 1960: Lauro Farioli, Ovidio Franchi, Emilio Reverberi, Marino Serri e Afro Tondelli. Il programma di iniziative è promosso dal Comune di Reggio Emilia e dalla Provincia di Reggio Emilia, da Cgil, Cisl, Uil, associazioni Anpi, Alpi e Apc Anppia, Comitato democratico e costituzionale e Istoreco.

Le iniziative avranno inizio, alle ore 17.45, con la visita al Cimitero monumentale (ingresso via Beretti), dove rappresentanti istituzionali, sindacali e delle associazioni partigiane renderanno omaggio alle tombe dei caduti.7-luglio-2015---invito-1

Alle 18.45, nella piazza intitolata ai Martiri, è prevista la deposizione di una corona al cippo dedicato ai cinque caduti e la visita alle cinque “Pietre d’inciampo” installate sul selciato della piazza, luoghi ove caddero i giovani manifestanti, ricordati anche dai cinque platani e dalla scultura presenti nella stessa piazza.

Alle ore 19, ai giardini pubblici (piazza della Vittoria), il sindaco Luca Vecchi, il presidente della Provincia Giammaria Manghi, Ettore Farioli, figlio di Lauro Farioli, e il professor Lorenzo Bertucelli, docente di Storia contemporanea all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, ricorderanno i tragici fatti del 1960, che segnarono col sangue dei cinque reggiani le piazze centrali della città.

Alle ore 21, lo spettacolo Cronache e Cantacronache. Suoni e voci per il 7 luglio ’60”, il concerto di Mara Redeghieri con il nuovo progetto Attanadara e la performance del collettivo Arzan. Un momento di aggregazione, coinvolgimento e impegno, non solo per rendere un dovuto e sentito tributo di memoria, ma per dialogare con il presente insieme a due tra le realtà più autentiche e impegnate del nostro territorio.

La celebrazione è preceduta, alle ore 16, nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia, dal convegno “Campioli: il Sindaco che fermò la violenza il 7 luglio 1960”. Per l’occasione viene presentato il volume ‘Cesare Campioli, Antifascista, sindaco e imprenditore (1902-1971)’ di RS Libri. Al convegno prendono parte il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi; Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia; Lorenzo Bertucelli dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia; Giacomo Notari, presidente provinciale dell’Anpi; Mario Monducci, presidente del Comitato organizzatore per il 40° anniversario della morte di Cesare Campioli. Coordina Simonetta Gilioli, presidente di Istoreco. Saranno inoltre presenti autori e testimoni degli atti pubblicati nel volume.

Pubblicato in Archivio Taggato con: ,