La tela di Nizzoli e il busto di Prampolini ai Musei Civici

Stampa articolo Stampa articolo

Una tela unica nel suo genere per dimensioni (circa 20 metri quadrati), stile (i primi abbozzi futuristi del celebre designer che morì a Camogli nel 1967), importanza. Si tratta di una grandiosa opera futurista del designer industriale reggiano Marcello Nizzoli che, appena trasferitosi a Milano, immortalò il comprensorio della Parmigiana Moglia, oggi Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale. E in occasione di Expo è stata trasferita ai Musei Civici di Reggio Emilia, in via Lazzaro Spallanzani, 1, a Reggio Emilia, dove è stata allestita la mostra “Noi governiamo l’acqua”.

Oltre a questa preziosa tela, è esposto anche il busto di Natale Prampolini. Il celebre industriale agricoltore agronomo, fu dal 1926 al 1943 presidente e direttore della Bonifica integrale dell’Agro Pontino: una redenzione di più di 120.000 ettari di paludi. Ben prima aveva iniziato a recuperare i territori della Pianura Padana, diventando presidente del Consorzio di Bonifica Parmigiana Moglia dal 1915 al 1945, fautore principale della bonifica integrale. È stato, inoltre vice presidente del Consorzio Nazionale delle Bonifiche, presidente delle bonifiche del Mezzogiorno e delle Bonifiche ferraresi, oltre ad essere Senatore del Regno.

Gli orari per poter visitare “Noi governiamo l’acqua” ai Musei Civici, via L. Spallanzani, 1, sono i seguenti: fino a domenica 26 luglio, dal martedì al giovedì dalle ore 9.00 alle 12.00 e dalle 21.00 alle 23.00, il venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 23.00, il sabato dalle 10.00 alle 23.00, la domenica dalle 10.00 alle 20.00 e dalle 21.00 alle 23.00. Dal 28 luglio al 30 agosto, dal martedì al sabato, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 21.00 alle 23.00, la domenica dalle 21.00 alle 23.00.

1_arazzo-Nizzoli-(Large)

“L’acqua – spiega Marino Zani, presiedente Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale – è vitale per tutti, ma è anche all’origine di grandi timori, soprattutto per chi si occupa di agricoltura. L’accesso all’acqua è ormai dato per scontato, almeno per noi che viviamo in Occidente: basta aprire il rubinetto. Eppure, ancora oggi, l’utilizzo della risorsa idrica non è così scontato, essendo il frutto del lavoro e della visione di decine di generazioni che insieme hanno imparato a dominare il fluire instabile dei corsi d’acqua, a bonificare le terre insalubri per trasformarle in canali e sistemi d’irrigazione che nutrono i terreni e a mantenete in funzione la grande rete di opere di bonifica”.

“Reggio Emilia ha sempre avuto un rapporto speciale con l’acqua e con i suoi canali storici, che conducono in città le acque dall’Enza e dal Secchia. Le storie d’acqua reggiane – prosegue il presidente – sono frammenti di un mondo complesso che hanno profondamente modificato il territorio e prodotto un sapere tecnico e un senso del lavoro collettivo che dobbiamo rinnovare a salvaguardia del futuro. Dagli acquedotti romani alle bonifiche contemporanee, passando per le città di nuova fondazione fino ai tanti mulini che per secoli hanno prodotto energia e buona farina; e ancora, dalle dighe appenniniche fino ai sistemi di telecontrollo e gestione idrica: la storia e il futuro di questo bene comune dipendono dalla cura con cui l’acqua è stata, viene e sarà gestita. Proseguendo queste pratiche l’acqua continuerà ad essere uno degli elementi su cui si fonda la comunità reggiana”.

La mappa – talmente grande da essere presumibilmente opera di propaganda – mostra un progetto di bonifica che era in corso e di opere che si sarebbero viste solo più tardi, dopo gli anni trenta. Si tratta di uno stile futurista, a volo d’aeroplano, in cui si spazia da Reggio Emilia sino a Po, da Boretto a San Benedetto Po, con Carpi, Novellara, Correggio,… Una tela che forse abbellì gli allestimenti della Parmigiana Moglia che Nizzoli curò all’interno della Mostra per le Bonifiche di Roma e Napoli degli Anni Venti.

Venne realizzata quando l’artista, non era più in zona, tra il 1928 e il 1930: in quella data infatti il Nizzoli se ne andò da Boretto e aprì il suo laboratorio/atelier a Milano. Eppure è di una particolare perfezione. Assieme agli affreschi della Sala del Consiglio Comunale di Boretto la tela è una delle più importanti testimonianze “reggiane” dell’artista le cui opere sono attualmente esposte al Moma di New York, tra cui la famosa Olivetti 22. A Milano, anche con gli affidamenti del regime, Nizzoli divenne importantissimo e mantenne la sua fama anche dopo la caduta del fascismo.

Pubblicato in Archivio Taggato con: , , , ,