Sport, in cerca di valori veri

Stampa articolo Stampa articolo

“C’è una grande ricchezza umana all’interno del Centro Sportivo Italiano. Ed è fatta anzitutto di generosità, di gratuità (la stragrande maggioranza sono volontari…), di simpatia”. Sono parole di don Alessio Albertini, brianzolo doc ma nomade per chiamata, così si autodefinisce, da quando la Conferenza Episcopale Italiana, nel 2012, lo ha nominato Consulente ecclesiastico nazionale del Csi; un incarico che lo porta di continuo su e giù per lo Stivale.
Sacerdote dell’arcidiocesi ambrosiana, presso la quale mantiene il suo ministero pastorale “ordinario”, don Alessio è fratello maggiore del più noto Demetrio, conosciuto ai più per esser stato centrocampista nel Milan dei tempi d’oro, grosso modo a cavallo tra i primi anni 90 e i primi Duemila, e per aver indossato a lungo la maglia azzurra in nazionale. Don Alessio parla a braccio, sfoderando una verve comica “cabarettistica” tipicamente “milanese”, dal momento che inanella una serie di freddure e battutine molto divertenti che però, al momento giusto, si rivelano capaci di far riflettere. Il contesto è quello, molto colloquiale e familiare, dell’ultima serata del Festincontro, lunedì 15 giugno, nella quale don Alessio è stato invitato a testimoniare e ribadire che “Lo Sport sta di casa nella Chiesa”.

Leggi tutto l’articolo di Matteo Gelmini nello speciale “L’Uomo e la Chiesa” su La Libertà del 27 giugno 2015

AlbertiniAlessio

Don Alessio Albertini

Pubblicato in Articoli, Associazioni, Slide Taggato con: , , , , ,