Comune di Reggio e Acer consegnano 127 alloggi

Stampa articolo Stampa articolo

Se Reggio Emilia, secondo il dato fornito da una ricerca pubblicata da una nota società specializzata nel settore delle locazioni, con il 23,1% si attesta al primo posto tra i comuni della provincia per numero di famiglie in affitto, una parte di questo risultato va attribuito anche alla costante attività svolta dal Comune di Reggio Emilia e da Acer impegnati a potenziare l’offerta abitativa per le famiglie in difficoltà e a rispondere ai bisogni del ceto medio che, a causa della crisi, fatica a sostenere il prezzo degli affitti a libero mercato.

Negli ultimi otto mesi, nel periodo che va da ottobre dello scorso anno a maggio 2015, Comune di Reggio Emilia e Acer hanno consegnato 127 alloggi, di cui 39 a canone sociale, il cui affitto si attesta mediamente sui 128 euro al mese.
Gli altri 88 alloggi assegnati rientrano nel canone calmierato, che ammonta mediamente a 350 euro al mese. Di questi, 38 sono alloggi di proprietà del Comune capoluogo, di cui 7 assegnati a persone anziane, 8 sono di Acer, 5 di Campus e ben 37 sono di proprietari privati che li hanno messi a disposizione dell’Agenzia per l’Affitto, il servizio di Acer nato per facilitare l’incontro tra domanda ed offerta di immobili ad un costo accessibile, con canoni d’affitto più vantaggiosi rispetto a quelli del libero mercato.
A questi si aggiungono 30 posti letto a un canone calmierato, il cui costo è di circa 240 euro al mese comprensivi del costo delle utenze, assegnati in alloggi pubblici a studenti universitari.
Complessivamente, quindi, il 31% degli alloggi è stato assegnato a canone sociale, il 69% a canone calmierato, mentre gli alloggi messi a disposizione dai proprietari privati rappresentano il 29% del patrimonio abitativo occupato.

acer

Gli appartamenti consegnati sono prevalentemente di nuova edificazione o completamente riqualificati, sia da un punto di vista strutturale che energetico, per garantire il minor costo possibile relativo alle utenze.
La maggior parte delle famiglie assegnatarie è composta da 3/4 persone la cui età varia tra i 30 e i 40 anni per il 35%, tra i 40 e i 50 anni per il 29%, mentre il 32% è costituito da persone con oltre 50 anni. Il 4% è costituito da inquilini di età inferiore ai 30 anni.

Tutti dati che confermano l’attenzione delle politiche abitative attuate dal Comune di Reggio Emilia e di Acer nei confronti dei nuclei familiari e delle famiglie di ceto medio che versano in momentanea difficoltà. In particolare verso queste ultime si è cercato di mettere in campo azioni di prevenzione e sostegno per evitare pericolosi slittamenti verso fasce di povertà comportando un ulteriore aggravio di costi per la comunità.

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , , ,