Lo stato dei lavori a 3 anni dal sisma

Stampa articolo Stampa articolo

Fa, forse, sempre meno notizia la situazione degli edifici colpiti dagli eventi sismici della tarda primavera del 2012 in Emilia. In realtà, tuttavia, la guardia è alta e i soggetti coinvolti sono decisamente “sul pezzo”.
A tre anni dalle scosse telluriche del 20 e del 29 maggio di strada se ne è fatta e tanta, compatibilmente con la messa a fuoco dello stato dei danni, con il reperimento delle risorse, la redazione dei progetti di intervento e le conseguenti valutazioni da parte degli Organismi a tal scopo deputati per legge, l’affidamento dei lavori alle imprese, la realizzazione degli interventi.
Si tratta di un processo, di una vera filiera, non scontata e non di mera burocrazia, come troppo spesso, con una certa superficialità, si sente affermare.C’è da garantire, infatti: bontà ed efficacia degli interventi proposti, da coniugarsi con un oculato e trasparente uso delle risorse pubbliche. È una “macchina” complessa quella in campo, che ha visto e vede coinvolti i diversi Enti pubblici (Prefettura, Ministero per i Beni culturali nelle sue diverse articolazioni, Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Regione, Comuni) e i vari soggetti privati: i proprietari degli immobili danneggiati e le diverse branche professionali impegnate nel recupero dei fabbricati e nella loro ricostruzione: geologi, ingegneri, architetti, geometri, restauratori, imprese.

Leggi l’articolo a cura dell’ Ufficio diocesano per i Beni culturali e la Nuova edilizia di culto su La Libertà del 23 maggio

brugneto

La chiesa di Brugneto

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura Taggato con: ,