Diocesi in lutto: morto don Alberini, cappellano al San Sebastiano di Correggio

Stampa articolo Stampa articolo

don-Luigi-AlberiniwDon Luigi Alberini si è spento nell’Ospedale San Sebastiano di Correggio, che da dieci anni serviva come cappellano, amabilmente assistito dal personale medico e infermieristico che aveva imparato, insieme ai degenti, ad apprezzarne l’umanità e la vicinanza.

Il decesso, in seguito all’aggravamento di un male incurabile che lo aveva colpito alcuni anni or sono, è avvenuto nelle prime ore di giovedì 7 maggio.

Nato il 7 luglio 1943 a San Martino di Guastalla, don Luigi aveva ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 29 giugno 1975 (avrebbe festeggiato tra poco più di un mese il 40° anniversario di Messa) ed era entrato nei “Trinitari”, l’Ordine della Santissima Trinità fondato dal francese Giovanni di Matha.

Dopo un periodo di alcuni anni trascorso in diocesi, aveva chiesto di lasciare l’Ordine per incardinarsi nella Chiesa reggiano-guastallese, ciò che avvenne l’8 marzo 1989.

Dell’esperienza di vita religiosa, don Luigi conservava lo spirito dei Trinitari, in particolare l’apostolato della carità come riscatto dalle tante forme della schiavitù umana e la disponibilità a chinarsi sulle persone sofferenti nel corpo e nello spirito.

Fu parroco a San Bernardino (1985-1991), a Pieve Rossa (1991-1992), quindi operò a Dinazzano prima come amministratore parrocchiale (1992-1995) poi come parroco fino al 2002.

Nel frattempo, dal 1985 al 2000 è stato il cappellano alla Casa di Riposo di Villa Ospizio a Reggio Emilia.

Dopo Dinazzano, don Luigi è stato a Cadelbosco Sotto, Argine, Villa Seta (2002-2005) come amministratore parrocchiale e infine, dal 2005, a Correggio come cappellano all’ospedale San Sebastiano e aiuto pastorale in San Quirino.

La salma è esposta nella chiesa correggese di Santa Chiara, da dove verrà trasferita venerdì 8 maggio per il funerale, che viene celebrato alle 16 nella chiesa di San Francesco in Correggio.

La Messa esequiale sarà presieduta dal vescovo emerito Adriano Caprioli.

Pubblicato in Vita diocesana