“Educazione alla legalità economica”, a scuola con la Gdf

Stampa articolo Stampa articolo

Si è conclusa la terza edizione degli incontri tra gli studenti di questa provincia e le Fiamme Gialle di Reggio Emilia nell’ambito del progetto “Educazione alla legalità economica” che trae origine da un Protocollo d’intesa tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, progetto finalizzato a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli studenti della scuola primaria e secondaria.

I 15 incontri, iniziati lo scorso 4 dicembre presso l’Istituto Comprensivo di Rio Saliceto, alla presenza del Prefetto e dei vertici delle Forze di Polizia di Reggio Emilia, hanno coinvolto 56 classi (12 di liceo – 8 di istituto tecnico – 32 di secondaria di primo grado – 4 di primaria) per un totale di 1.254 studenti (306 di liceo – 173 di istituto tecnico – 694 di secondaria di primo grado – 81 di primaria), interessando sia il capoluogo sia la provincia di Reggio Emilia (Correggio – Rio Saliceto – Quattro Castella – Vezzano sul Crostolo – Bibbiano – Campagnola Emilia). L’iniziativa ha destato molto interesse negli istituti scolastici che hanno richiesto l’incontro della G. di F. nell’ambito del progetto.

GDF-foto-1

Il progetto triennale di “Educazione alla legalità economica” si è concluso e ha interessato le annualità scolastiche dal 2012 al 2015 coinvolgendo, complessivamente, nr. 223 classi di ogni ordine e grado su tutto il territorio provinciale, per un totale di 70 incontri con 4.690 studenti.

Intenso è stato il coinvolgimento dei ragazzi e dei bambini che, stimolati dagli argomenti trattati, sono stati molto attenti ed attivi nel formulare numerose domande ed esporre le loro curiosità. Durante il corrente anno scolastico alcuni ragazzi, appassionati dagli argomenti trattati, hanno fatto pervenire al Comando Provinciale della Guardia di Finanza delle interessanti tesine che hanno sviluppato insieme ai loro docenti.

GDF-foto

Tale progetto ha previsto l’organizzazione, a livello nazionale, di incontri presso le scuole orientati a:

–    creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”;

–    affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria;

–    stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche,

In particolare, sono stati trattati i temi dell’evasione fiscale,  sperpero di risorse pubblichefalsificazioni, contraffazione, uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Per gli incontri è stato impiegato materiale multimediale e videoclip di artisti come Fiorello, Antonio Albanese, Checco Zalone, Totò, Crozza, Enrico Brignano e cartoni animati per i più piccoli. Ad alcuni incontri ha partecipato il cane “PAGHY”, uno splendido esemplare di pastore tedesco, utilizzato per la simulazione di pratiche di ricerca di sostanze stupefacenti.

Pubblicato in Articoli, Associazioni Taggato con: , , ,