Simone Francia è il “Simpaticissimo 2015”

Stampa articolo Stampa articolo

«Grazie mille per il riconoscimento, tanto gradito quanto inaspettato, dato che stasera ho assistito alle esibizioni di veri professionisti del palcoscenico. Lo dedico a mio papà, che purtroppo non c’è più e ha contribuito a creare e fare crescere la nostra formazione, in attività da ormai trentadue anni». Sono le prime parole – modeste ed emozionate – di Simone Francia dopo la vittoria del concorso Il Simpaticissimo 2015, che si è svolto domenica sera (29 marzo, ndr.) a conclusione della XXIV Rassegna di Teatro Dialettale e Musicale del Corso di Rivalta. Il Premio Simpatia della compagnia Qui’d Cadrós ha trionfato con lo spassosissimo sketch Beinvgnù Don Tiberio, interpretato insieme a Paolo Dalìa, Maurizio Castagni e Patrizia Canali, che hanno condotto il folto pubblico di Via Sant’Ambrogio nella canonica dove si è appena insediato il nuovo sacerdote, visitato da numerosi parrocchiani. Questi accoglie anche la famiglia dell’ex sindaco del paese, ora macellaio, che si reca dal religioso per dargli il benvenuto e chiedere ripetizioni di latino per il figlio. «È la pronuncia che mi frega», si giustifica il giovane facendo riferimento alla balbuzie ereditata dal padre, il quale lo incoraggia a tenere il discorso che si era preparato per l’occasione. Lo esorta a parole e pacche, sempre affiancato dalla moglie “con un bel caratterino”, come afferma Don Tiberio, con cui i coniugi ascoltano la poesia che il ragazzo ha composto per l’arrivo del parroco e con la quale si è conclusa la scenetta, la sesta in gara.

SketchQuiDCadros20150329

Simone Francia della compagnia Qui’d Cadrós durante lo sketch “Beinvgnù Don Tiberio” (Autore: Beatrice Grisendi)

 

La pacifica competizione all’insegna delle risate in vernacolo è giunta alla quindicesima edizione e ha richiamato al Corso i Premio Simpatia delle dieci compagnie che, da ottobre a marzo, hanno arricchito il cartellone rivaltese con altrettante commedie in abbonamento. Gli spettatori delle singole rappresentazioni hanno eletto gli attori più divertenti in modo scritto, anonimo e volontario, individuando così i concorrenti de Il Simpaticissimo 2015, che, con due assenti giustificati, si sono esibiti in base all’ordine sorteggiato a inizio serata, alle 21. Ha rotto il ghiaccio Rina Mareggini della Compagnia Teatro Nuovo di Scandiano, che ha proposto lo sketch A lett cun me marii insieme a Lauro Margini, al quale è seguito l’intervento di Pietro Vitali, La suposta, che l’attore de La Duchèsä di Parma ha interpretato con Alessandro Chiapponi e Marina Padovani. Matteo Corghi del gruppo Qui di Laghett ed la Seda di Villa Seta ha presentato il monologo La moto, mentre Sandra Grassi de Il Muretto – la formazione padrona di casa – ha divertito con In attesa dell’autobus, affiancata da Gabriele Taddia. Applausi scroscianti anche per la seconda tranche di scenette, iniziata con la vulcanica Marisa Vignali. Il Premio Simpatia della compagnia Gli Artristi di San Cesario sul Panaro, in provincia di Modena, ha conquistato la platea con Vaca sl’è asòta ed è salita sul palco con la collega Elide Marchetti prima di Simone Francia di Qui’d Cadrós, che segue Gigi Accorsi – del gruppo I Fiaschi di Novellara – nell’albo d’oro dell’iniziativa, presentata da Giancarlo Baroni. Matteo Marani dell’Arcobaleno di Fosdondo ha interpretato Reception dell’Aldilà insieme a Isabella Aldrovandi, mentre l’intervento conclusivo è stato La ragioun l’è di coioun di Cristina Cavalca, storica componente della formazione reggiana Artemisia Teater. A causa di imprevisti familiari, non si sono potuti esibire Alessandra Gemelli della compagnia Teatro Aperto di Moglia, nel mantovano, e Paolo Mazzacurati della Bruno Lanzarini di Bologna.

GruppoIlSimpaticissimo2015

Il gruppo dei Premio Simpatia in gara per Il Simpaticissimo 2015 (Da sinistra: Cristina Cavalca, Sandra Grassi, Rina Mareggini, Marisa Vignali, Pietro Vitali, Matteo Corghi, Simone Francia, Matteo Marani (Autore: Beatrice Grisendi))

 

Durante lo spoglio dei voti, il parroco di Rivalta, Don Luigi Giansoldati, ha salutato e ringraziato il pubblico, per poi cedere la parola a Matteo Catellani, segretario provinciale e regionale dell’Anspi, che ha anticipato due progetti dell’associazione: la pubblicazione dell’annuario del teatro amatoriale reggiano e la creazione di una “biblioteca” dedicata ai copioni del nostro vernacolo.

Vincitore con 56 preferenze – scritte e anonime – su 74 abbonati votanti, Simone Francia ha ricevuto la targa de Il Simpaticissimo 2015 dalle mani di Luigi Manfredi, capocronista dell’edizione reggiana de Il Resto del Carlino, quotidiano che ha patrocinato l’iniziativa ed era rappresentato anche dalla giornalista Stella Bonfrisco.

Beatrice Grisendi

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura Taggato con: , ,