Mirror, spettacolo di teatro non verbale per ragazzi

Stampa articolo Stampa articolo

Mirrorw

Mercoledì 6 gennaio, alle ore 10.30 al Teatro Piccolo Orologio, il Centro Teatrale MaMiMò propone al pubblico la sua ultima produzione per il Teatro Ragazzi, Mirror, ispirato all’omonimo libro dell’illustratrice coreana Suzy Lee.

Mirror è la storia di una bambina che trova nella sua stanza uno specchio gigante. Si avvicina e scopre la sua immagine riflessa, un’altra bambina uguale a lei. Da quel momento bambina reale e bambina riflessa si studiano, si svelano, si incontrano, giocano insieme, si muovono all’unisono, si divertono, riconoscendosi infine in un’unica identità. La bambina tocca lo specchio: è magico. E’ un portale, un passaggio segreto verso l’ignoto, verso l’avventura, verso l’altra sé. Ma una volta dentro lo specchio la bambina incontrerà un’Altra dentro di sé che non si aspettava e che, essenzialmente diversa da lei, la metterà in crisi fino a scardinare la loro relazione. Che farà allora la bambina?Lo specchio come spazio eterotopico, come spiegava Foucault, un non-luogo, uno spazio reale e irreale al tempo stesso. Un portale sconosciuto che non sai dove ti porterà attraversandolo. In Mirror lo specchio conduce in un viaggio alla ricerca dell’altro che abita dentro di noi, giocando sull’eterno senso di divertimento e di piacere che accompagna il gioco dei bambini dello specchiarsi e del trasformarsi davanti allo specchio, ma anche facendo riflettere e pensare sui temi della conoscenza e del riconoscersi.

Questo progetto, che come detto si ispira all’album illustrato Mirror di Suzy Lee, ha fornito al gruppo di lavoro, composto dalla danzatrice Elena Giachetti e dai registi Angela Ruozzi e Mario D’Avino, lo spunto per approfondire il processo di ricerca sulla narrazione di una storia per  immagini, una narrazione sempre più svincolata dall’uso della parola. Immagini che attivano il  processo interpretativo dello spettatore invitandolo a ricostruire il senso dei segni rappresentati in  scena senza la mediazione del linguaggio verbale. Uno spettacolo senza parole, in cui le immagini narrative saranno ricreate dall’attrice attraverso il linguaggio del corpo e una partitura di azioni fisiche.

Suzy Lee è un’illustratrice e scrittrice coreana. Dopo aver studiato Pittura e Illustrazione alla Seoul National University (Seoul, Korea) e al Camberwell College of Arts (Londra, Regno Unito), Suzy  Lee inizia a  pubblicare i suoi albi illustrati        tra cui ricordiamo: Alice in Wonderland, Ed. Corraini 2002; Mirror, Ed. Corraini 2003; Zoo, BIR Korea 2004; L’onda, Ed. Corraini 2008; Ombra, Ed. Corraini 2010; Apri questo piccolo libro, Chronicle Books 2013.

Biglietti: 5€. Per info e prenotazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com, www.mamimo.it, 0522-383178 dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30 e nel giorno dello spettacolo anche dalle 9 alle 10:30.

Pubblicato in Articoli Taggato con: , ,

Lascia un commento